Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Privatizzazione Tirrenia, verifica dei conti
di Rosario Battiato

In una delle pretendenti, la Mediterranea Holding, anche la Regione siciliana e il Fondo Cape di Simone Cimino. Le società che manifestano l’interesse all’acquisto spulceranno lo stato della compagnia di navigazione

Tags: Tirrenia, Simone Cimino, Maurizio Prato, Franco Pecorini, Altero Matteoli



ROMA - È fissata per il 28 giugno prossimo la scadenza per la presentazione delle offerte vincolanti per la privatizzazione di Tirrenia per avviare poi un confronto con i sindacati e chiudere l’operazione entro luglio. Intanto, dal 21 al 28 maggio le otto società che hanno presentato manifestazione d’interesse incontreranno Tirrenia per verificare conti e stato della compagnia di navigazione.

Lo riferiscono fonti sindacali dopo l’incontro odierno al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con il ministro Altero Matteoli, il presidente di Fintecna (azionista di Tirrenia), Maurizio Prato, il l’amministratore delegato di Tirrenia, Franco Pecorini, e i rappresentanti dei sindacati di categoria. È stato, intanto, confermato lo sciopero di 24 ore per l’8 giugno di tutti i lavoratori di Tirrenia proclamato da Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uil Trasporti.

Nell’incontro - riferiscono fonti sindacali - Tirrenia ha indicato 250 esuberi fra marittimi e amministrativi, dunque oltre il centinaio precedentemente reso noto, sottolineando la necessità di ulteriori sovvenzioni da parte dello Stato pergestire linee e personale.
Prato - riferiscono ancora partecipanti alla riunione - ha indicato anche altre tappe: il 30 maggio quella per la presentazione delle offerte non vincolanti; il 10 giugno ci potrebbe essere un’ulteriore scrematura fra Cep III Participations The Carlyle Group, Cinven Limited, F2i Sgr, Gestioni Armatoriali e Tomasos Transport & Tourism, Grandi Navi Veloci, Mediterranea Holding di Navigazione (la società mista partecipata dalla Regione Sicilia, dal fondo Cape di Simone Cimino, l’armatore veneto Giovanni Visentini, e il campano Salvatore Lauro, ndr), Moby e Trans Ferry che hanno manifestato interesse all’acquisto e dunque vedere chi effettivamente intende procedere oltre; entro il 18 giugno possono essere presentate domande di aggregazione fra i candidati o con soggetti esterni che devono avere una presenza di minoranza.

Sulla prospettiva di aumento degli esuberi, i sindacati hanno chiesto il rispetto dei livelli occupazionali e dei salari. Il futuro acquirente, infatti - riferiscono - potrebbe procedere ad una riorganizzazione e a tagliare il costo del lavoro.

Articolo pubblicato il 20 maggio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐