Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lombardo: “La Sicilia diventi Hub al centro del Mediterraneo”
In un dibattito sull’Area Med all’agenzia Ansa le parole del governatore della Sicilia. Intervenuti anche Vendola e Caldoro, presidenti di Puglia e Campania

Tags: Raffaele Lombardo, Mediterraneo, Ponte Sullo Stretto, Aeroporto, Nichi Vendola, Stefano Caldoro



PALERMO - “La Sicilia, per la sua posizione e per la sua storia, può e deve svolgere un’importante funzione geopolitica tra i Paesi del bacino del Mediterraneo, ma deve risolvere una serie di problemi, il principale dei quali riguarda le infrastrutture dei trasporti”.
È questa l’analisi del presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, in un’intervista televisiva rilasciata ieri ad ANSAmed.

“Siamo al centro del Mediterraneo - sottolinea il Governatore - ma siamo un’isola. E quindi è necessario potenziare gli aeroporti e i porti, per non parlare di un’altra opera fondamentale come il Ponte sullo Stretto in grado di collegarci con il cosiddetto Continente. Insomma, organizzare unsistema di trasporti che ci restituisca questa centralità è di importanza fondamentale”.
Lombardo indica anche le direttrici di questo progetto di sviluppo nel settore dei trasporti: “Non possiamo accettare - spiega - che i nostri aeroporti siano marginali rispetto ai grandi hub internazionali: dobbiamo organizzarci, anche con i cinesi se necessario o con quegli imprenditori del trasporto aereo che vogliono costruire una sinergia nuova con la Sicilia. La stessa cosa va fatta nel settore dei trasporti marittimi: penso alla proposta di acquisto per la Tirrenia che la Regione ha presentato insieme ad alcuni partner privati in modo tale che Palermo e la Sicilia abbiano un ruolo centrale nel Mediterraneo”.

Per Lombardo sono fondamentali, in quest’ottica, i rapporti di cooperazione tra la Sicilia e i Paesi dell’area Med. “Muoversi immaginando che proprio la crisi dell’Europa può essere affrontata correttamente conl’orizzonte Euromediterraneo, cioé riportando l’Europa in questo mare, in quello che significa dal punto di vista della civiltà e dell’occasione anche di un confronto tra culture”. È il sogno di Nichi Vendola (Sel), presidente della Regione Puglia, intervenuto anch’egli al dibattito. E anche il neopresidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, guarda positivamente alle politiche nell’area euromediterranea. Rispetto, poi, alla proposta del ministro Frattini per portare a Napoli lo sportello e la sede centrale di Euromed Caldoro ha sottolineato che si tratta di una “grande prospettiva” su cui puntare.

Articolo pubblicato il 21 maggio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus