Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Informatizzazione, a regime ci saranno 1.228 computer
di Michele Giuliano

Il processo di adeguamento si dovrà concludere entro settembre. Una trentina di esperti per formare i circa 1.000 dipendenti



PALERMO - Dal Dipartimento Lavoro della Regione dicono che stanno oramai completando la fase di informatizzazione degli uffici. Un po’ in ritardo rispetto ai tempi previsti (in una precedente intervista il dirigente del Dipartimento Giovanni Bologna aveva detto che entro il 2008 si sarebbe completato tutto, ndr). La conferma arriva anche dagli stessi Centri per l’impiego che garantiscono come in questo momento si stia completando questa fase di attivazione delle postazioni. “A lavoro completato – assicura Bologna – saranno messi in rete 1.228 personal computer che saranno dotati quindi di tutti gli archivi. In questo momento siamo in una fase di operatività con l’implementazione della piattaforma attraverso l’utilizzo dei software”. La piena operatività di queste banche dati dipenderà poi dai Centri per l’impiego. Loro dovranno fare il più in fretta possibile per catalogare tutto l’archivio cartaceo di cui dispongono.

I tempi comunque non sembrano essere brevi: considerate le denunciate carenze d’organico non si potrà certamente procedere a passo molto spedito e questo a discapito della qualità ed efficienza del servizio. Serve però accanto alla strutturazione anche la formazione: “Abbiamo una trentina di esperti – dice Renato Adragna, responsabile dell’informatizzazione per i Centri per l’impiego della Regione Sicilia – che giornalmente istruiscono, tra le altre cose, il personale del Cpi. Ovviamente si tratta di un lavoro che costituisce un vero work in progress, per cui mano a mano che sorgeranno nuovi software noi saremo pronti a formare”. Dunque la formazione è in itinere ed in tempo assolutamente reale garantiscono dal Dipartimento Lavoro.

Articolo pubblicato il 22 maggio 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Il collocamento avvolto nella carta - Lavoro. Centri per l’impiego inadeguati allo scopo.
    Ai margini. I centri per l’impiego oggi sono una struttura ai margini del mercato del lavoro, contano 1.000 dipendenti (che costano 3 mln di euro) ma non riescono a collegare la domanda all’offerta.
    Compiti. Secondo quanto previsto dalla riforma del collocamento del 2000, i Cpi devono offrire percorsi di orientamento oltre a favorire l’accesso alle misure di politica attiva. (22 maggio 2009)
  • Indagine Isfol. Solo 1 Cpi su 4 svolge appieno il proprio compito - (22 maggio 2009)
  • Informatizzazione, a regime ci saranno 1.228 computer - Il processo di adeguamento si dovrà concludere entro settembre. Una trentina di esperti per formare i circa 1.000 dipendenti (22 maggio 2009)
  • Si attende di colmare un vuoto durato 25 anni - Dagli anni ‘80 si studia un sistema valido per le politiche del lavoro. Nel 2003 i primi collegamenti con le banche dati Inps e Inail (22 maggio 2009)


comments powered by Disqus
Giovanni Bologna, dirigente del Dipartimento Lavoro
Giovanni Bologna, dirigente del Dipartimento Lavoro


´╗┐