Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La crisi economica affonda nei valori
Le crisi dei valori ed economica spingono verso una nuova visione della società, con al centro i nuclei. Dalla legge sul federalismo e dall’Ars attese risposte ai bisogni reali

Tags: Giovanni Giacobbe, Tot├▓ Cordaro, Giuseppe Lupo



PALERMO - Un sistema fiscale a misura di famiglia, che tenga conto anche dei figli e delle persone a carico, la famiglia e il federalismo fiscale. E’ questo il tema della tavola rotonda, organizzata giorni fa dal Forum delle Associazioni familiari della Sicilia in occasione della XVI Giornata Internazionale della Famiglia istituita nel 1994 dall’Onu.
Rappresentanti delle istituzioni politiche e dell’associazionismo siciliano si sono confrontati sul nuovo disegno di legge sul federalismo fiscale, approvato lo scorso 29 aprile e che entrerà in vigore fra qualche giorno.
La nuova legge si basa sul superamento dei trasferimenti statali a Regioni ed Enti locali e sulla loro conseguente fiscalizzazione, cioè la loro trasformazione in autonomia finanziaria, che apre la possibilità sia a livello di fiscalità regionale che locale, del riconoscimento dei carichi familiari.

A dare il benvenuto e ad aprire i lavori è stato Giovanni Giacobbe, presidente nazionale del Forum delle Associazioni Familiari, cha ha ricordato: “Bisogna mettere la famiglia al primo posto e riconoscere l’importanza che ha nella formazione sociale”.
Mentre ha voluto dare il suo contributo tecnico Salvatore Sammartino, professore di Diritto Tributario presso l’Università di Palermo: “Il tema affrontato è di grande attualità, la nuova normativa consentirà alle Regioni e agli Enti locali d’intervenire sulla disciplina dei tributi in maniera più significativa che in passato, pertanto- spiega- gli enti potrebbero introdurre agevolazioni sul fronte fiscale a favore delle famiglie, e considerarla nel suo complesso ”.
E viene posta in un posto di primo ordine, la famiglia, anche da Totò Cordaro, deputato Udc dell’Assemblea Regionale: “La famiglia non è uno spot, noi continuiamo a metterla al centro della nostra agenda politica, perché crediamo che la società naturale sia fondata sul matrimonio tra uomo e donna, e crediamo nella famiglia come ammortizzatore sociale soprattutto in questo momento di crisi”.

Dati significativi ma anche allarmanti sono stati forniti da Giuseppe Lupo, deputato del Pd al Parlamento della Regione Sicilia: “Le famiglie sono le prime ha risentire della crisi, a Palermo nessun anziano gode dell’assistenza domiciliare, e a livello europeo la Sicilia ha la più alta percentuale di disoccupazione giovanile, ben il 37,2% “, e sempre sul tema della crisi rimane anche Francesco Attaguille, dirigente generale del Dipartimento Regionale Famiglia e Politiche Sociali della Regione: “La crisi economica sta evidenziando anche una crisi di valori”, e fa un appello invece, Carmelo Pietro Russo, segretario generale della Presidenza alla Regione: “E’ importante che il federalismo fiscale non si trasformi in darwinismo sociale, bisogna fare attenzione che non vadano avanti solo le Regioni più forti e rimangano indietro le più deboli”.
A moderare il forum, è stata Daniela De Luca, segretaria regionale della Cisl.

La tavola rotonda è voluta essere un proseguio delle precedenti iniziative portate avanti sempre dal Forum delle Associazioni Familiari, iniziate con il Family Day del 2007, proseguite con la raccolta firma per chiedere un fisco a misura di famiglia del 2008 e concluse con la Settimana Nazionale della Famiglia del 2008.

Articolo pubblicato il 23 maggio 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Francesco Attaguille, dirigente generale del Dipartimento Regionale Famiglia e Politiche Sociali della Regione
Francesco Attaguille, dirigente generale del Dipartimento Regionale Famiglia e Politiche Sociali della Regione


´╗┐