Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Il bilancio 2010 ha tagliato del 50% le risorse agli Str
di Massimo Mobilia

Il dirigente del dip. reg. Turismo riconosce i problemi di funzionamento. Salerno: “Per le spese dovremo rivolgerci alla Presidenza”

Tags: Turismo, Marco Salerno



PALERMO – I problemi di organizzazione e funzionamento dei Servizi turistici regionali, sono riconosciuti anche da Marco Salerno, dirigente generale del dipartimento regionale Turismo, sport e spettacolo, da cui dipendono. “Lo stato in cui si trovano attualmente gli Str non mi sembra sufficientemente idoneo – ha dichiarato – anche se il passaggio dalle 23 Aast a un Str per provincia (più Taormina, ndr), come confermato dalla riorganizzazione dei dipartimenti regionali (l.r. 19/2008), è già una prima importante risposta territoriale, perché così il dipartimento ha 9 diramazioni interne in periferia”.

Alla riduzione territoriale, però, non è ancora corrisposto un adeguato stanziamento di somme affinché gli Str possano svolgere al meglio le loro funzioni. Anche quest’anno, infatti, le risorse sono poche e dagli uffici arrivano le lamentele per le difficoltà economiche anche per produrre materiale promozionale. “Purtroppo il bilancio 2010 ha decurtato del 50 % le risorse per gli Str e per le spese di funzionamento occorrerà quindi rivolgersi alla Presidenza” ha dichiarato il dirigente Salerno. “Per quanto riguarda, invece, il materiale promo-pubblicitario, nelle prossime settimane arriveranno due bandi sulla comunicazione che potranno offrire anche agli Str l’adeguato materiale informativo”.

Altro problema riguarda i locali in cui i nuovi Servizi svolgono le proprie funzioni, che sono ancora quelli delle vecchie Aast, in alcuni casi lontani dal centro città (Palermo, Ragusa) e di difficile localizzazione per il turista che ha bisogno di informazioni. Sarebbe utile dunque individuare dei punti informativi più centrali e, su questo, Salerno ha detto che “dovranno essere i Comuni a fornire locali in comodato d’uso”.

Articolo pubblicato il 02 giugno 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Ex Aast come ammortizzatori sociali -
    Turismo. Visitatori disorientati abbandonano l’Isola.
    Dislocazione. I Servizi turistici territoriali in molti casi sono lontani dal centro città e difficili da raggiungere, inoltre sono assenti su Internet e così i turisti “fuggono” dall’Isola.
    Visitatori in calo. Rispetto al 2008 i visitatori italiani sono diminuiti del 7,54%, gli stranieri dell’11,68% (-9,21% il dato complessivo di pernottamenti in meno nel 2009).
    (02 giugno 2010)
  • NellÂ’era di internet manca il turismo informatizzato -
    Tra i 10 Str solo Agrigento è sul web. Gli altri siti attendono i fondi. Al turista negato il mezzo più veloce per prenotare
    (02 giugno 2010)
  • Il bilancio 2010 ha tagliato del 50% le risorse agli Str -
    Il dirigente del dip. reg. Turismo riconosce i problemi di funzionamento. Salerno: “Per le spese dovremo rivolgerci alla Presidenza”
    (02 giugno 2010)


comments powered by Disqus