Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Scarichi. Le grandi industrie continuano a farla da padrone
di Rosario Battiato



PALERMO – Il Registro Ines contiene informazioni su emissioni in aria ed acqua di specifici inquinanti provenienti dai principali settori produttivi e da stabilimenti generalmente di grossa capacità presenti sul territorio nazionale. I dati sono forniti dagli stabilimenti IPPC in base al D.Lgs 18.02.2005, n. 59 al D.M. 23.11.2001, al D.P.C.M. 24.12.2002 e al D.P.C.M. 24.02.2003. L’ultimo registro disponibile risulta quello del 2006, dove si evince che le attività prese in considerazione la fanno da padroni la Raffineria di Milazzo, la Raffineria di Gela SPA, l’Edipower, l’ST Microelectronics che registrano scarichi a mare di mercurio, nichel, cadmio, arsenico, azoto, cloruri, zinco e carbonio, spesso oltre la quantità consentita. Appare indubbiamente vero che alcuni valori hanno cominciato a livellarsi dal 2006, ma c’è molto da lavorare, soprattutto in rapporto al danno che è già stato fatto. Basti pensare che nel 2005 la Raffineria di Milazzo a fronte di 50 Mg/a di valore soglia di Carbonio, toccava invece quota 133 Mg/a di emissioni totali, così come per Zinco, fissato a quota 100 Mg/a e giunto invece a 243,9 Mg/a. 

Articolo pubblicato il 23 maggio 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Mare, nel blu sbiadito di blu - Mare. Cosa sapere alla vigilia della stagione dei tuffi.
    La situazione. L’Isola si appresta a vivere un’altra estate. La qualità delle acque balneabili è buona, tuttavia peggiore in confronto ad altre regioni che non possono vantare la lunghezza delle nostre coste.
    Le cause. Palermo e Catania, per esempio, continuano ad essere fra le peggiori città italiane per i livelli di depurazione delle acque. E fioccano i record negativi per gli abusi nelle zone a mare. (23 maggio 2009)
  • Scarichi. Le grandi industrie continuano a farla da padrone - (23 maggio 2009)
  • La Fee cancella Marsala e promuove Marina di Ragusa - Bandiere blu: la Sicilia ne ha 4; Toscana, Marche e Liguria 16 a testa. L’Isola lontana da regioni con estensioni costiere minori (23 maggio 2009)
  • Rada di Augusta, lo strano programma di bonifica - Lo specchio d’acqua aretuseo è uno dei più inquinati d’Europa. Stanziati 700 mln, ma le industrie continueranno l’attività (23 maggio 2009)


comments powered by Disqus