Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Nel comprensorio del Mela pessima qualità dell’aria
di Rosario Battiato

Espliciti gli ultimi dati dell’Organizzazione mondiale della sanità. Falliti (Wwf): “Preoccupanti livelli di malattie respiratorie”

Tags: Ambiente, Legambiente, Rifiuti, Ecomafia



SANTA LUCIA DEL MELA (ME) – Parlare di illegalità ambientale senza richiamare almeno minimamente lo stato di inquinamento “legale” che hanno prodotto in quattro decenni i poli petrolchimici dell’Isola, non renderebbe giustizia ad una situazione ambientale catastrofica che da anni denunciano associazioni e organizzazioni internazionali.

All’inizio di giugno, il Comune di Santa Lucia del Mela ha organizzato l’ennesimo convegno per esporre i dati dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) sulle condizioni respiratorie dei bambini in rapporto alla qualità dell’aria. “Purtroppo i dati emersi – ha spiegato Giuseppe Falliti, referente regionale Wwf aree a rischio - non fanno altro che confermare quanto già esposto in altre decine di convegni (a Milazzo, Pace del Mela, San Filippo, Valdina, etc.) con qualche altra nota negativa in più, non lasciando intravvedere soluzioni pratiche e concrete alla possibile soluzione del risanamento. Dai dati esposti vien fuori un quadro disastroso: i cittadini continuano ad avere un’altissima percezione del rischio con elevatissimo grado di sfiducia nei confronti delle istituzioni; le risultanti delle poche e mal funzionanti centraline pubbliche indicano a Milazzo, Archi e Pace del Mela (nelle vicinanze delle scuole addirittura) livelli di inquinamenti simili a quelli dei centri di città come Milano e Roma”.

A preoccupare sono anche i dati che riguardano nel dettaglio i bambini. “I livelli di malattie respiratorie nei bambini – ha proseguito Falliti - stanno raggiungendo livelli altissimi ponendo le condizioni per un allarme sistematico e premonitore di cronicizzazione delle patologie, i dati rilevati indicano come principali zone di ricaduta degli inquinanti atmosferici Milazzo e Archi-Gabbia”.

Articolo pubblicato il 15 giugno 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Premiata Ecomafia Sicilia Spa -
    Ambiente. Le ultime statistiche sui reati commessi.
    I dati. Nei giorni scorsi, prima il ministero dell’Ambiente e poi Legambiente hanno fornito un quadro sui reati legati alla gestione dei rifiuti, cemento, acqua e quant’altro. L’Isola è tra le prime 5 per numero di illeciti.
    Il malaffare. Il settore dei rifiuti si conferma al primo posto nella lista nera, con oltre 360 infrazioni scoperte. Da considerare, inoltre, l’inquinamento “lecito” delle perforazioni che rilasciano di tutto
    (15 giugno 2010)
  • Nel comprensorio del Mela pessima qualità dell’aria -
    Espliciti gli ultimi dati dell’Organizzazione mondiale della sanità. Falliti (Wwf): “Preoccupanti livelli di malattie respiratorie”
    (15 giugno 2010)
  • I clan hanno fiutato l’affare con cemento e munnizza -
    Le ultime operazioni delle Forze dell’ordine confermano l’azione mafiosa. A Gela la scoperta di forniture sospette di calcestruzzo
    (15 giugno 2010)


comments powered by Disqus