Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Raggiungere maggiore equilibrio tra piccola e grande distribuzione
di Melania Tanteri

Musumeci: “Il territorio è saturo”. Grossi rischi soprattutto per i piccoli commercianti dei centri storici. La richiesta avanzata dai rappresentanti de La Destra-As di Comune e Provincia

Tags: Catania, Centri Commerciali, Nello Musumeci



CATANIA - Diciotto centri commerciali (su un totale di 37 in tutta la Sicilia), oltre 700 mila metri quadri occupati da strutture per la grande distribuzione di cui circa 311 mila occupati solo negli ultimi 5 anni (contro i 95 mila mq di Palermo): sono questi i numeri che fanno di Catania la prima città d’Italia per concentrazione di Centri commerciali per abitanti, e la seconda in Europa.

Contro l’eccessiva presenza di centri di grande distribuzione nel territorio etneo e sulla necessità di regolamentare il mercato e l’assegnazione delle autorizzazioni in modo programmatico - e tale da risultare vantaggioso per l’intera economia della zona - si sono espressi i rappresentanti de La Destra – Alleanza siciliana alla Provincia e al Comune, che hanno lanciato l’allarme contro le conseguenze di questo stato di cose, avanzando alcune proposte per regolamentare il settore.

“Il territorio siciliano – afferma Nello Musumeci, capogruppo de La Destra al Comune – e soprattutto quello etneo, sono è saturi e ulteriori richieste di autorizzazione ci porterebbero oltre il limite di sopportazione per un territorio già provato. Bisogna arrestare il dilagare di queste strutture perché comportano gravi danni, non solo al piccolo commercio e alle produzioni tipiche locali, ma alla stessa identità cittadina, snaturata da strutture fredde in cui prevale la logica dell’artificio e del distacco, mortificata nei centri storici che, lentamente si stanno spegnendo”.

E questo, secondo i consiglieri de La Destra, nonostante la legge regionale n. 28 del 1999, “Riforma della disciplina del commercio”, all’art. 1, comma 2 indichi, come finalità, “il pluralismo e l'equilibrio tra le diverse tipologie delle strutture distributive e le diverse forme di vendita, con particolare riguardo al riconoscimento e alla valorizzazione del ruolo delle piccole e medie imprese” e, all’art. 11 comma 1, specifichi l’intento di favorire lo sviluppo della rete commerciale nelle aree montane, rurali e delle isole minori, per riqualificare la rete distributiva e rivitalizzare il tessuto economico, sociale e culturale nei centri storici”.
“La presenza dei centri commerciali sul territorio etneo – sottolinea il consigliere provinciale Vincenzo D’Agata – non ha avuto alcuna ricaduta né sull’occupazione, né sul tessuto economico. L’eccessiva presenza dei centri commerciali ha piuttosto contribuito a mortificare le produzioni locali e l’artigianato”.

I rappresentanti de La Destra chiedono dunque il blocco delle licenze per dare nuovo ossigeno ai centri storici e che le competenze per rilasciare le autorizzazioni alla costruzione di nuovi centri sia esclusivamente della Provincia (e non, come previsto dalla legge sulla disciplina del commercio, di una conferenza di servizi composta da rappresentanti di Comune, assessorato regionale al Commercio, Camera di commercio e, appunto, Provincia). Annunciata, in tal senso, la presentazione in Consiglio provinciale di una proposta di legge in merito.

Articolo pubblicato il 17 giugno 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Un momento dell'incontro organizzato da La Destra (mt)
Un momento dell'incontro organizzato da La Destra (mt)


´╗┐