Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Il fuoco arriva puntuale già in cenere 300 ettari
di Rosario Battiato

All’inizio del mese fiamme dalla provincia di Enna a Pantelleria. L’estate orribile del 2007, tra morti e 500 mln di danni

Tags: Ambiente, Incendi, Pietro Tolomeo, Corpo Forestale Regionale



PALERMO – Il fuoco è già giunto. Ad inizio giugno decine di vasti incendi si sono sviluppati in diverse aree della Sicilia: una vasta area a Collesano, un bosco di conifere a Castronovo, poi Enna, Pietraperzia, Catenanuova, Pantelleria. Poco più di 300 ettari le aree già interessate.

Eppure le cifre degli altri anni fanno ben sperare. Tra il 2008 e il 2009 i boschi dell’Isola hanno tirato un lievissimo sospiro di sollievo. Infatti è diminuita la quota del numero degli incendi che sono passati da 797 a 762. Nel 2008 la superficie boschiva bruciata in Sicilia e Calabria - circa 15.000 ettari - corrispondeva alla metà di territorio bruciato nelle restanti regioni. Un’ecatombe che si è andata limitando nel 2009 passando dai 17mila ettari del 2008, tra superficie boscata e non, alla più modesta quota di poco meno di 10mila ettari. Andando a ritroso nel 2007 l’Isola ha perso qualcosa come 47 mila ettari di superficie travolta dalle fiamme. Risultati quindi, che anche per merito di una buona campagna preventiva e per l’aumento delle risorse disponibili, fanno ben sperare per il futuro.

Ma la soglia d’allarme deve restare alta per il livello di coinvolgimento dei comuni. L’ultimo rapporto di Legambiente disponibile – Ecosistema Incendi 2009 - ha registrato nel 2008 un coinvolgimento dei comuni siciliani pari a 165, cioè il 42% del totale.
Limitare il rischio di incendio sarebbe un vero toccasana per la comunità: gli ultimi calcoli della protezione civile isolana hanno infatti certificato che nel 2007, oltre ai morti nella zona di Patti, gli ettari andati a fuoco sono costati all’Isola qualcosa come 500 milioni di euro, considerando i danni al patrimonio boschivo e agricolo, alle infrastrutture idriche ed energetiche e agli edifici.

Articolo pubblicato il 19 giugno 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Incendi, catasto ancora ignorato -
    Ambiente. Con l’estate il ritorno di un fenomeno siciliano.
    La stagione. E’ arrivata l’estate e con essa anche il fenomeno degli incendi estivi. Negli ultimi due anni, in Sicilia è stato registrato un vistoso calo degli episodi, dopo la tremenda stagione del 2007.
    Gli adempimenti. Il 90% dei Comuni si è messo in regola sui Piani speditivi d’interfaccia, ma è in netto ritardo sul catasto. La mappatura dei terreni percorsi dal fuoco è necessaria per evitare speculazioni.
    (19 giugno 2010)
  • Il fuoco arriva puntuale già in cenere 300 ettari -
    All’inizio del mese fiamme dalla provincia di Enna a Pantelleria. L’estate orribile del 2007, tra morti e 500 mln di danni
    (19 giugno 2010)
  • I fondi europei utilizzati nella campagna antincendio -
    Cento milioni dei Fas per l’innovazione tecnologica e formare il personale. L’anticipo servirà anche a pagare i 7.000 forestali impegnati
    (19 giugno 2010)


comments powered by Disqus