Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ventuno consulenze sono conferite da dirigenti di dipartimenti di cui dodici dal dipartimento Interventi infrastrutturali
di Massimo Mobilia

Non bastano più di duemila dirigenti alla Regione

Tags: Regione Siciliana, Sprechi



PALERMO – Dall’analisi accurata degli elenchi riportanti i 99 incarichi di consulenza nel 2010 della Regione Siciliana, si noterà che alcune sono conferite dagli assessorati regionali, altre dalla Presidenza della Regione, altri ancora dai dirigenti dei dipartimenti regionali. In particolare, sono 21 le consulenze assegnate dai dirigenti per una spesa che supera il milione di euro, come risulta dalla somma dei compensi lordi che è di 1.053.064 euro. Tra queste consulenze spiccano soprattutto i 12 incarichi conferiti nel 2009 dal dirigente del dipartimento Interventi infrastrutturali (ex assessorato Agricoltura e foreste), ma ancora vigenti perché scadranno nel 2011 e pertanto, essendo di durata triennale, sono quelle che economicamente gravano di più sulla spesa.
La Presidenza della Regione, invece, ha conferito ben 18 incarichi di consulenza, con compensi lordi che sommati ammontano a 378 mila e 842 euro, tra le quali cinque si sono concluse nel mese di marzo ma le restanti sono tutt’ora in corso. Veniamo infine alle consulenze conferite dagli assessorati che sono 59. Di queste, l’assessorato che ne vanta di più è quello dell’Economia con 16 incarichi che per compensi lordi costano in totale 125 mila euro, a cui si aggiungono 4 incarichi conclusi nei primi mesi del 2010, che erano stati assegnati dall’ex assessorato Bilancio e Finanze e che sono costate quasi 50 mila euro.

Articolo pubblicato il 29 giugno 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus

´╗┐