Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

In Sicilia 23,2 medici ogni 100 dipendenti del Ssn contro 15,9 ogni 100 in Toscana, e 14,5 in Lombardia
di Lucia Russo

Eppure i siciliani con 1 dipendente della Sanità ogni 106 abitanti sono meno assistiti dei Toscani con un dipendente ogni 73 abitanti. All’Isola piace avere tutti dirigenti: in Sanità 27 dirigenti ogni 100 dipendenti contro 19 ogni 100 in Toscana

Tags: Sanità, Servizio Sanitario



In Sicilia il Servizio sanitario occupa 47.577 persone, ovvero un dipendente della Sanità ogni 106 abitanti. I dati sono dell’ultimo Conto annuale dello Stato, anno 2008, reso disponibile dalla Ragioneria generale dello Stato.
In Toscana con 51.225 dipendenti della Sanità, i cittadini sono più assistiti con un dipendente ogni 73 abitanti. Ma come si spiega che la Sicilia per il personale del Servizio sanitario regionale spende 2.980 milioni di euro (quasi 3 miliardi) e la Toscana, con 3.648 dipendenti in più per lo stesso Servizio, spende mezzo miliardo di euro (516 milioni) in meno?

Troppi medici ma anche troppi amministrativi. Basta guardare i dati: per cinque milioni di abitanti la Sicilia tra medici, veterinari e odontoiatri nel servizio pubblico tra Aziende, Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, Policlinici, Aziende sanitarie provinciali, Ex Ipab e Istituto zoo profilattico occupa 11.031 medici, la Toscana per 3 milioni 730 mila abitanti, occupa invece 8.172 dirigenti medici.

In Sicilia 23,2 medici ogni 100 dipendenti del Servizio sanitario contro 15,9 medici ogni 100 dipendenti del Ssn in Toscana. Questo fa sì che per i medici la Sicilia spende circa 800 milioni di euro in stipendi, 213 milioni in più della Toscana, se si considera che la retribuzione media di un medico è di 71.877 euro (Fonte Ragioneria generale dello Stato).
Se si fa il paragone con la Lombardia, si vede che per nove milioni di abitanti il Servizio sanitario regionale lì si avvale di 14.914 medici, 14,5 medici ogni 100 dipendenti del Ssr, un medico ogni 603 abitanti) mentre la Sicilia dispone di un medico ogni 457 abitanti.

Se si guarda invece al personale operativo, i non dirigenti, si vede come per la Toscana si dispone di un maggiore quantitativo di infermieri (21.309 unità contro 17.983 in Sicilia), personale addetto alle funzioni riabilitative (600 in più). E ancora mille unità in più per il personale tecnico sanitario, 700 in più per gli addetti a ispezione e vigilanza, 1.400 in più nel ruolo tecnico, con il risultato che, pur disponendo di apparecchiature, le nostre Strutture spesso le lasciano abbandonate e non funzionanti e molti nostri pazienti sono costretti ad andare a curarsi fuori, incrementando la mobilità sanitaria in negativo. Chi va a curarsi fuori costa infatti al Servizio sanitario regionale che deve versare soldi al Ssr della Regione dove il paziente siciliano sceglie di farsi curare.

Per gli amministrativi, invece, stesso discorso dei medici. Un esubero di amministrativi con 11 amministrativi ogni 100 dipendenti del Ssr in Sicilia contro 10 dipendenti del profilo “Ruolo amministrativo” in Toscana ogni 100 dipendenti del Ssr. In termini economici significa solo 3 milioni di euro in più spesi dalla Sicilia, considerato uno stipendio medio dei profili ruolo amministrativo di 29 mila euro.

Anche per i dirigenti non medici c’è un utilizzo sopra il necessario con 3,8 ogni 100 dipendenti, contro 2,6 ogni 100 in Toscana. In Lombardia ci sono 2.769 dirigenti medici su 102.418 dipendenti totali del Ssn cioè 2,7 ogni 100 dipendenti.
Ma il peso maggiore, almeno fino al 2008 è stato dato dai direttori generali, se si considerano i loro stipendi lordi sopra i 180 mila euro annui. Adesso la situazione è cambiata grazie al riordino avviato a partire dal numero delle Aziende che da 29 sono passate a 17 e con la revisione tuttora in corso. Ma dalla fotografia dei dati 2008, in Sicilia si contano 89 direttori generali su 47.577 dipendenti contro 70 su 51.225 dipendenti in Toscana. Sommando dirigenti medici, dirigenti non medici e direttori generali in Sicilia 12.924 unità, in Toscana 9.604, ovvero, possiamo dire 27 dirigenti ogni 100 dipendenti contro 19 dirigenti in Toscana ogni 100 dipendenti. Si conferma anche nella Sanità, dunque, come nell’amministrazione regionale, un numero esagerato di dirigenti e il cittadino siciliano è quello che paga sempre.

Articolo pubblicato il 03 luglio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Personale Ssr, sprecati 516 milioni -
    Sanità. Personale mal distribuito costa troppo.
    Poco personale tecnico sanitario. In Toscana ci sono mille unità in più rispetto alla Sicilia per un milione e mezzo di abitanti in meno, oltre a 600 in più per funzioni riabilitative.
    Troppi medici e amministrativi. La Sicilia solo per il personale nei ruoli amministrativi (11 ogni 100 dipendenti) spende 3 mln di euro più della Toscana (10 amministrativi ogni 100 dipendenti).
    (03 luglio 2010)
  • In Sicilia 23,2 medici ogni 100 dipendenti del Ssn contro 15,9 ogni 100 in Toscana, e 14,5 in Lombardia -
    Eppure i siciliani con 1 dipendente della Sanità ogni 106 abitanti sono meno assistiti dei Toscani con un dipendente ogni 73 abitanti. All’Isola piace avere tutti dirigenti: in Sanità 27 dirigenti ogni 100 dipendenti contro 19 ogni 100 in Toscana
    (03 luglio 2010)


comments powered by Disqus