Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ridurre i deputati senza penalizzare i territori
di Raffaella Pessina

Forum con Edoardo Leanza deputato segretario all’Assemblea regionale siciliana

Tags: Edoardo Leanza, Ars, Stipendi, Bilancio



L’attuale situazione politica in Sicilia è dovuta ad un fermento all’interno dei partiti. Più volte, per sanare la scissione avvenuta all’interno del Pdl con la nascita del Pdl Sicilia che si è distaccato dal gruppo principale. Ancora il vertice di Roma non interviene ma si sono fatti incontri tra i rappresentanti del Pdl in Sicilia. Pensa che la situazione si possa risolvere?
“Questi incontri sono solo un ulteriore tergiversare, perché una classe politica che si rispetti  può attendere indicazioni che vengono dal vertice, però non può attendere a tempo indeterminato. Non è una classe politica questa che sa autogestirsi. Immagino che il Cavaliere abbia trasformato in tattica una necessità, perché non lo ritengo in questo momento nelle condizioni di poter affrontare anche quest’altro tema di battaglia. Non si aspettava certo che il dissenso interno avanzasse. Questo Governo è figlio di una strategia  che Fini ha messo in atto e che sta ribaltando sul  piano nazionale. è evidente che Fini ha una sua progettualità con Berlusconi, ma ha anche delle diversità e sta sfruttando queste diversità  per realizzare il tentativo di soppiantare il governo attuale”.

I parlamentari siciliani sono equiparati nel trattamento economico ai senatori della Repubblica, con una legge che risale al 65. Cosa ne pensa?
“Si parlava di questa perequazione con il Senato ed anche questa è stata tralasciata, nonostante appunto siamo equiparati al trattamento del Senato. Invece abbiamo preferito tralasciare gli aumenti previsti al Senato e mantenere la somma d’ indennità invariata. Il Consiglio di Presidenza ha preferito frenare, nonostante le richieste di molti deputati. Non temo di dire comunque che, se si svolge il proprio mandato nell’interesse vero del territorio che si rappresenta, la cifra stipendiale è adeguata ad un tenore dignitoso del rappresentante dei cittadini”.

C’è stato anche chi ha proposto di diminuire il numero dei deputati da 90 a 70. Pensa che in termini di contenimento della spesa possa essere un provvedimento giusto? Operativamente cambierebbe qualcosa?
“Una norma che preveda questa riduzione passa chiaramente da una legge elettorale, che va approvata dall’Assemblea ma anche dagli organismi superiori perché si tratta di una legge costituzionale. Il mio punto di vista è quello che si potrebbe anche ridurre il numero di questa rappresentanza e credo che un tentativo in questa direzione vada fatto, ma senza enfasi. Passare per questa vena populistica significherebbe creare aspettative che nell’immediato non possono essere mantenute. Anche perché io, che sono rappresentante di una piccola provincia (Enna), mi rendo conto come ci sia fame di numeri per farsi sentire, e in tre, come noi siamo all’Ars, tante volte non è facile indirizzare un intero Parlamento negli interessi di una provincia che sta attraversando un periodo di grandi disastri, per esempio sulla viabilità. Scontiamo il prezzo di un isolamento che è ormai storico e in più si aggiungono i disastri che per via delle condizioni atmosferiche si riversano sulla viabilità interna e ci costringono a dire che siamo peggio di un paese del terzo mondo. E allora un Parlamento che vuole dirottare risorse in maniera adeguata verso una provincia che ha questi bisogni, ha necessità di numeri: se pensiamo perciò alla riduzione a 70 parlamentari con una giusta proporzionalità per numero di abitanti, la provincia di Enna è la prima a passare da 3 a 1. Enna (provincia) sconta anche una legge regionale che distribuisce i fondi alle province in quota paritaria rispetto ad una proporzione che viene generata dalla estensione del territorio e dal numero di abitanti. E come è noto Enna ha pochi abitanti con un vasto territorio, per di più montano e dissestato, il che aggrava tutta una serie di problematiche che influisce sullo sviluppo della provincia. In questa ultima Finanziaria avevo presentato un emendamento che andava a modificare questo criterio, ma non è stato apprezzato dal governo e quindi tralasciato”.

Articolo pubblicato il 06 luglio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus
Edoardo Leanza deputato  segretario  all’Assemblea regionale  siciliana
Edoardo Leanza deputato segretario all’Assemblea regionale siciliana