Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Commercio, aiuti per 58,5 milioni
di Antonio Casa

L’assessore regionale, Venturi, loda il lavoro svolto dal commissario straordinario, Lanzetta. Sbloccate 664 pratiche di finanziamento giacenti da circa un anno

Tags: Salvatore Lanzetta, Commercio, Marco Venturi, Raffaele Lombardo, Pmi



PALERMO - Finanziamenti per le aziende commerciali siciliane: l’assessorato regionale delle Attività produttive dichiara di avere smaltito l’arretrato accumulato a partire dallo scorso anno, grazie al lavoro svolto dal commissario straordinario del Fondo per il commercio, Salvatore Lanzetta. “664 pratiche deliberate, 6,5 milioni del Fondo per il commercio impegnati e finanziamenti attivati per oltre 58,5 milioni di euro. Sono numeri che testimoniano la volontà della Regione di prestare grande attenzione al tessuto economico e produttivo, in particolare alle piccole e medie imprese siciliane”, dice l’assessore, Marco Venturi.

“Una attività importante - continua Venturi - che è stata possibile grazie alla attività del commissario straordinario ed alla collaborazione con Banca Nuova, ente gestore del fondo”.
Il commissario straordinario Lanzetta venne nominato a febbraio dal presidente della Regione, Raffaele Lombardo, su proposta dell’assessore Venturi, per procedere alla delibera delle istanze già istruite e che si erano accumulate in attesa di chiudere la procedura di ricostituzione del comitato di gestione su cui pende un contenzioso amministrativo.

“La gestione commissariale - prosegue Venturi - a partire dal 4 marzo, ha deliberato 664 pratiche di cui 588 relative a contributi in conto interessi per finanziamenti per credito di esercizio. I contributi concessi ammontano a 3 milioni 371 mila che hanno consentito l’attivazione di finanziamenti per oltre 50 milioni. Grazie alla concessione di questa tipologia di contributi - conclude Venturi - le pmi potranno sostenere le spese, ad esempio, per acquisto, costruzione, rinnovo, trasformazione e ampliamento dei locali adibiti o da adibire all’attività commerciale; acquisto delle attrezzature e il rinnovo degli arredi necessari; costi immateriali relativi alla certificazione di qualità, alla tutela ambientale e all’innovazione tecnologica, all’acquisto di programmi gestionali per l’informatizzazione”.

I dati di quattro mesi di gestione commissariale hanno superato quelli dell’intero 2009, sia per numero di pratiche che per finanziamenti attivati. Il commissario ha approvato il bilancio dell’esercizio 2009 che si è chiuso con un utile di 38.400 euro, che andranno ad incrementare le disponibilità del fondo.

I destinatari sono prevalentemente piccole e medie imprese siciliane: esercenti del commercio al dettaglio, all’ingrosso, dei servizi turistici (dalle sale da ballo alle discoteche, campeggi, assistenza servizi portuali e diportistici, ludoteche e baby parking, lidi balneari), pmi fornitrici di servizi reali alle imprese (agenti di assicurazione, rappresenti di commercio, emittenti radiofoniche e televisive, trasporto e riciclaggio dei rifiuti, gestione di palestre e strutture sportive).

Deliberati anche 13 provvedimenti per contributi in conto interessi per il consolidamento delle passività onerose (contributi per 151 mila euro circa; finanziamenti attivati per 1 milione 787 mila circa) e contributi in conto interessi per il finanziamento di impianti concessi da banche convenzionate (contributi pari a 821 mila euro circa, finanziamenti attivati per 4 milioni 642 mila circa).

Articolo pubblicato il 10 luglio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus