Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Casa Sicilia nel mondo “scollata” dalla Regione
di Liliana Rosano

Sono in tutto sette le sedi istituite dalla Regione dal 2002 ad oggi. “Manca una strategia unitaria e di coordinamento”

Tags: Turismo



PALERMO - Portare un pezzo di Sicilia nel cuore dell’Europa o addirittura dell’Asia e dell’America per attrarre turisti stranieri a visitare l’Isola, è stata un’idea che avrebbe potuto incrementare il flusso di stranieri e avere un ritorno economico per l’intero territorio regionale. Invece le sette Casa Sicilia istituite dal 2002 ad oggi  con “il compito di promuovere fuori dall’Italia la cultura, l’immagine, le opportunità di impresa ed i prodotti tipici e di qualità siciliani”, sembrano delle vetrine appannate senza luci né colori.
La Regione ci tiene a precisare che Casa Sicilia non grava sul proprio bilancio e che si tratta di una gestione affidata a privati a titolo gratuito più un piccolo contributo una tantum per fare fronte alle spese di start-up. Nella convenzione infatti non c’è obbligo da parte della Regione di finanziare queste sedi anche se è stato concesso il marchio della Trinacria. Le sette Casa Sicilia (New York, Sofia, Tunisi, Parigi, Zurigo, Montreal e Quingdao) però non riescono a far decollare proprio l’obiettivo di promuovere l’immagine della Sicilia che tradotto significa non solo promuovere le arance rosse a Parigi ma anche l’offerta turistica. Questo anche perché, come afferma lo stesso Giuseppe Priolo, referente di Casa Sicilia a Montréal, manca un coordinamento tra i vari assessorati, per portare avanti una strategia unitaria e sinergica. Lo stesso Priolo afferma che ha presentato diversi progetti all’assessorato al Turismo che non hanno avuto un seguito, compreso quello di attuare delle tariffe aeree o voli charter per invogliare i canadesi a venire in Sicilia ad un prezzo basso.
“Anche i figli dei siciliani che vorrebbero conoscere la loro terra d’origine – afferma Priolo- scelgono la Repubblica Dominicana per andare in vacanza”.

Articolo pubblicato il 02 giugno 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Stranieri in fuga dai borghi fantasma - Turismo. Arrivi e presenze 2008. Stranieri in calo
    Politica. I borghi siciliani rimangono località pressoché sconosciute perché manca una politica di programmazione e comunicazione che valorizzi questi centri e nuclei storici.
    Arrivi e presenze. Città come Cefalù e Monreale che negli anni passati registravano un boom di turisti stranieri, nel 2008 hanno perso rispettivamente il 4,73 e il 9,90 delle presenze e degli arrivi. (02 giugno 2009)
  • I borghi. Una valorizzazione mancata utile per l’economia siciliana -
    (02 giugno 2009)
  • Pochi gli investimenti per gli interventi turistici - Nel bilancio 2009, sono stati preventivati 12 mln per spese correnti. Per la programmazione si parla solo di 7 milioni di euro (02 giugno 2009)
  • Casa Sicilia nel mondo “scollata” dalla Regione - Sono in tutto sette le sedi istituite dalla Regione dal 2002 ad oggi. “Manca una strategia unitaria e di coordinamento” (02 giugno 2009)


comments powered by Disqus