Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Acqua in bottiglia, con il caldo arriva a costare sino a 6 euro/L
di Marina Barrera

Nell’estate 2010 si registrano forti aumenti per l’ “oro blu”, i turisti sono quelli che più ne fanno le spese. Adoc: in Sicilia i prezzi più alti si riscontrano a Taormina: 1,80 € per mezzo litro

Tags: Acqua, Prezzi, Adoc, Turismo



PALERMO - Meglio rimanere a bocca asciutta o a bocca aperta? Dipende se siete disposti o no a pagare cara una bottiglietta d’acqua minerale. Il caldo ha dato alla testa a molti esercenti: si registrano dei forti aumenti per “l’oro blu”.

Ad essere colpiti ingiustamente da prezzi fuori mercato sono consumatori e turisti. Secondo un’indagine dell’Adoc, nel periodo estivo, il mercato delle acque minerali risulta gravemente danneggiato dalle speculazioni della distribuzione, sia grande che piccola, e della ristorazione, nonostante sia presente una buona concorrenza. In Sicilia, attenzione a dove vi trovate se vi volete refrigerare. Se siete a Taormina, potreste pagare una bottiglietta d’acqua di mezzo litro 1,80 euro, quasi il doppio di quanto costa nelle vie del centro del capoluogo siciliano. E spendere 1 euro per una bottiglia da mezzo litro è già troppo. Ma nell’Isola, in fondo, ci si consola quasi. Nella capitale, per la stessa bottiglietta, si può arrivare a spendere fino a 3 euro. E tra l’altro a Roma si contano circa 2500 fontanelle pubbliche, di cui circa 400 solo all’interno delle mura. Ma quasi nessuno tra i turisti stranieri sa che emettono acqua potabile, fresca e gratuita.

 “La distribuzione sfrutta a proprio vantaggio il fattore caldo - commenta Carlo Pileri, presidente dell’Adoc - e il fatto che i consumatori non possono astenersi dal bere, in particolare duranti i picchi di calore di una giornata. La grande distribuzione, nel periodo giugno-settembre, diminuisce sensibilmente le offerte sulle confezioni famiglia da 1,5 litri, per cui stiamo registrando una contrazione superiore al 30%”. I prezzi vanno alle stelle: aumenti medi del 5,95%, con un massimo del 13,9% per le bottiglie da 0,50 litri delle marche  pubblicizzate. Un salasso ingiusto. I soggetti che più risentono di questo rialzo indiscriminato di prezzi sono sempre quelli più deboli, anziani e turisti.
“I più tartassati sono anziani e turisti - sottolinea il presidente di Adoc, Carlo Pileri - i primi devono necessariamente bere, per motivi di salute, nelle ore di punta e nelle giornate più calde. I secondi, non informati sulle politiche dei prezzi praticate degli esercizi commerciali, spesso comprano ugualmente, seppur controvoglia. Questa forte speculazione va combattuto, per ciò chiediamo un intervento deciso e mirato dei Comuni, affinché i vigili urbani controllino e multino gli esercenti che si comportano in modo sleale”.

Guardiamo nel dettaglio l’ascesa dei prezzi. La media nazionale dei prezzi mostra - secondo i dati diffusi dall’Adoc - un aumento del 2,8% per la bottiglia da 1,5 litri di marca pubblicizzata dal 2009 al 2010, mentre invariato è rimasto il prezzo della minerale da 1,5 litri di marca non pubblicizzata, circa 0,50 euro. A subire il maggiore aumento è invece l’acqua in bottiglia da mezzo litro: quella di marca pubblicizzata del 13,9%, da 0,43 a 0,49 euro, quella non pubblicizzata del 7,1% rispetto al 2009 (da 0,28 a 0,30 euro). Il “picco” lo raggiunge Milano, dove una bottiglietta d’acqua di mezzo litro costa 1,80 euro; per le città d’arte Venezia (2,35 euro), mentre per le località di mare battono tutti Capri e Portofino (2,20 euro).

Articolo pubblicato il 23 luglio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Quanto costa una bottiglietta da 0,50 l. nelle zone centrali di alcune citt italiane
Quanto costa una bottiglietta da 0,50 l. nelle zone centrali di alcune citt italiane