Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Regione, contratti da privilegiati
di Lucia Russo

Particolarità. Per i dipendenti della Regione siciliana.
Crescita delle unità di personale. “Non correlata ad un incremento delle attribuzioni e nemmeno coerente con i reali fabbisogni” scrive la Corte dei Conti Sicilia.
Indennità di presenza. Non è prevista nel Ccnl di Regioni e Autonomie locali, lo è per i contratti Aran Sicilia e tra il 2003 e il 2008 l’esborso è cresciuto del 300 per cento

Tags: Corte Dei Conti, Regione Siciliana, Spesa, Retribuzioni



I numeri parlano chiaro: in base ai dati della Relazione della Corte dei Conti Sicilia al Rendiconto 2009 della Regione, la retribuzione pro capite media nell’anno 2008 per ciascun dipendente della Regione è stata di 40.757 €, nel 2009 di poco di meno: 39.830 €. Invece, se si guarda al Conto annuale della Ragioneria generale dello Stato, per il 2008, si legge in corrispondenza del Ccnl “Regioni e autonomie locali” una retribuzione media pro capite per dipendente di 36.228 euro.
 
Addirittura ancora più bassa è la retribuzione media dei dipendenti delle Regioni a Statuto speciale di 35.320 auro l’anno. I dipendenti della Regione siciliana sono dei privilegiati, grazie anche a particolari indennità non presenti nel Ccnl di “Regioni e autonomie locali”. Serve l’abolizione della contrattazione regionale, oltre alla razionalizzazione della macchina amministrativa, che è già stata avviata.
 
La Corte dei Conti Sicilia, in sede di Giudizio di parificazione dell’esercizio finanziario 2009 della Regione Siciliana, ha ribadito quanto già denunciato nelle Relazioni negli anni precedenti. “Tra i fattori che hanno determinato l’evidenziato aumento di spesa per il personale della Regione vanno menzionati i rinnovi contrattuali per il personale dirigenziale e non dirigenziale del comparto con oneri anche molto superiori a quelli garantiti a livello nazionale alla generalità dei dipendenti in servizio presso altre amministrazioni pubbliche (…)”.

In effetti i numeri parlano chiaro. Se si guarda la tabella pubblicata a pagina 86 della Relazione della Corte dei Conti Sicilia al Rendiconto 2009 della Regione Siciliana, si legge una retribuzione pro capite media nell’anno 2008 per ciascun dipendente della Regione di 40.757 euro, nel 2009 di poco di meno: 39.830 euro. Invece, se si guarda al Conto annuale della Ragioneria generale dello Stato, per l’anno più recente disponibile, il 2008, si legge in corrispondenza del Contratto collettivo nazionale “Regioni e autonomie locali” una retribuzione media pro capite per dipendente di 36.228 euro. Addirittura ancora più bassa è la retribuzione media dei dipendenti delle Regioni a Statuto speciale di 35.320 auro l’anno.

La Corte ha auspicato dal Governo “un’ulteriore razionalizzazione delle strutture burocratiche amministrative al fine di incidere sulla dotazione organica del personale dirigente e non dirigente notevolmente accresciuto negli ultimi anni, pur in assenza, in molti casi, di un incremento delle attribuzioni e di coerenza con i reali fabbisogni”.

“Senonché – continua la Corte – la finanziaria regionale  2010 non si è mossa in questo senso. La dotazione organica contenuta all’art. 51, comma 3, prevede significativi incrementi delle unità di personale rispetto agli organici stabiliti dalla legge regionale 28 ottobre 1985 n. 41, senza che vi corrisponda un disegno organico di riforma dell’Amministrazione ed in assenza di adeguate analisi in ordine alle reali esigenze”.

La Corte dei Conti Sicilia raccomanda al legislatore regionale di intervenire per contenere l’aumento del costo del lavoro agganciandolo ad incrementi di produttività e a rivedere gli istituti che garantiscono “prerogative non compatibili con le esigenze di razionalizzazione dei vincoli di bilancio”.

I magistrati contabili sono scesi nei particolari guardando alle indennità previste nei contratti Aran Sicilia, e non invece nel contratto collettivo nazionale di regioni e autonomie locali.E così, scrive la Corte, “per le diverse indennità erogate occorre accertare, a seguito di puntuali verifiche, la sussistenza della necessaria correlazione tra la percezione dell’indennità e la particolare situazione di rischio e/o disagio tutelata dalla norma”. La Corte poi si riferisce in maniera chiara alla c.d. indennità di presenza, che nel Ccnl “Regioni e autonomie locali” non è contemplata. Non ha senso mantenerla, anche se dopo il picco nel periodo 2003-2008, quando è passata al 300 per cento in più da 1,4 milioni nel 2003 ai 4,3 milioni nel 2008, nel 2009 è stata controllata con un abbassamento del 47,5 per cento.

Articolo pubblicato il 28 luglio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Regione, contratti da privilegiati -
    Particolarità. Per i dipendenti della Regione siciliana.
    Crescita delle unità di personale. “Non correlata ad un incremento delle attribuzioni e nemmeno coerente con i reali fabbisogni” scrive la Corte dei Conti Sicilia.
    Indennità di presenza. Non è prevista nel Ccnl di Regioni e Autonomie locali, lo è per i contratti Aran Sicilia e tra il 2003 e il 2008 l’esborso è cresciuto del 300 per cento
    (28 luglio 2010)
  • Rimodulati i dipartimenti, restano 1500 dirigenti in pi├╣, ma le Strutture intermedie sono state ridotte a 496 -
    Il decreto del Presidente della Regione del 28 giugno 2010 segna un inizio rispetto all’operazione di razionalizzazione della Pa regionale. Gli incarichi della dirigenza regionale sono suddivisi in tre fasce con retribuzioni di risultato da 3.800 fino a 23.240 euro
    (28 luglio 2010)


comments powered by Disqus




´╗┐