Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Enna - Dopo lo strappo con Pdl e Udc il presidente riparte dai tecnici
di Cinzia Nicita

La risposta del capo dell’amministrazione ai partiti, che hanno pesantemente attaccato l’operato dell’ente. Primi giorni di lavoro per la nuova Giunta provinciale di Giuseppe Monaco

Tags: Enna, Giuseppe Monaco



ENNA - Un vero e proprio terremoto politico quello che ha investito la Provincia regionale nei giorni scorsi, con il Pdl e l’Udc che, per ragioni diverse, hanno ritirato il proprio sostegno alla Giunta guidata dal presidente Giuseppe Monaco. Il Pdl, segnatamente l’ ala che fa riferimento all’onorevole Edoardo Leanza, ha denunciato l’incapacità di Monaco di risolvere le problematiche di cui la provincia risulta afflitta, con gravi ricadute sugli interessi della collettività. L’Udc, invece, ha ritirato la propria delegazione assessoriale puntando il dito contro il mancato rilancio dell’ attività amministrativa dell’ente e contro la mancanza di volontà da parte del presidente di operare in tale direzione, nonostante le continue sollecitazioni.

A completare il quadro c’è la posizione del presidente del Consiglio, Massimo Greco, che in merito ai rapporti deteriorati fra il presidente Monaco e l’onorevole Leanza si è dichiarato politicamente e culturalmente alternativo a entrambi.
In conseguenza di questi eventi, Monaco ha deciso di azzerare la propria Giunta varando una nuova compagine di governo composta esclusivamente da tecnici. La nuova squadra e le deleghe assegnate risultano così composte: Vincenzo Vicari (Risorse umane, Servizi innovativi dell’Ente, E-government, Affari generali), Salvatore Zinna (Programmazione economica-sociale, Formazione professionale) Giuseppa Savoca (Politiche sociali e socio sanitarie), Marcello Melfa (Agricoltura e zootecnia), Maurizio Campo (Politiche culturali, Turismo, Valorizzazione dei beni culturali, Pubblica istruzione), Mario Barbarotto (Risorse finanziarie, Monitoraggio e controllo delle società partecipate e dei consorzi), Giuseppe Amato (Organizzazione del territorio e tutela ambientale, Protezione civile, Risorse energetiche) e infine Antonio Alvano (Infrastrutture pubbliche, Riqualificazione viaria e servizi di trasporto) che ricoprirà anche la carica di vice presidente.

Il presidente Giuseppe Monaco, dal canto suo, mantiene le seguenti materie: Affari e rapporti istituzionali, Attuazione del programma elettorale, Università, Polizia provinciale, Regia e coordinamento dei tavoli provinciali, Comunicazione e rapporti con i media, Rapporti con il Consiglio provinciale e ogni altra materia non espressamente delegata agli assessori.
 

 
Prospettive. “Lavorare per il bene comune”
 
ENNA - La neo Giunta tecnica, che affiancherà il presidente della Provincia Giuseppe Monaco nella guida dell’Ente,  è composta da otto professionisti con esperienze riconosciute in diversi settori.
“Si apre così una nuova fase nella gestione amministrativa - ha dichiarato Monaco - che dovrà avere come obiettivo prioritario il bene comune. Non sempre la gestione amministrativa coincide con le esigenze dei partiti e quando ciò accade occorre avere il coraggio di fare scelte nell’interesse delle comunità amministrate”.
“In questo particolare e difficile momento di crisi economica - ha aggiunto - e di mancanza di risorse, è necessaria la giusta intraprendenza professionale e politica per portare avanti la programmazione”.
Il presidente ha specificato che i rapporti con i partiti della coalizione di centrodestra non si sono interrotti e che manterrà un confronto franco e diretto con le forze in Consiglio.

Articolo pubblicato il 06 agosto 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐