Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Musei aperti... per un’elemosina
di Dario Raffaele

BB.CC. Senza programmazione visitatori in diminuzione.
Sconosciuti. I turisti sconoscono i siti culturali “minori” della Sicilia: costano alle casse della Regione in termini di personale ma non rendono in termini di presenze e incassi.
Privati. L’assessorato ai Beni culturali ha deciso di aprire ai privati la gestione integrata dei servizi al pubblico per ottimizzare le fasi di rilancio e di sviluppo del sistema museale isolano.

Tags: Musei



Sembra non trovare soluzione la crisi dei musei siciliani. Anche per il 2009 incassi e visitatori in picchiata, come ormai succede da quattro anni a questa parte. Se nel 2006 nei 57 siti culturali regionali monitorati dall’Assessorato si erano staccati 6.611.722 biglietti per un incasso di 15.540.185 euro, negli anni successivi si è assistito a un trend in discesa costante culminato con i quasi 2 milioni di visitatori (1.972.407 per la precisione) del 2009 che hanno contribuito ad un incasso di 11.353.337 euro. In soli 4 anni l’assessorato regionale ai Beni culturali ha assistito impotente alla perdita di oltre quattro milioni e mezzo di visitatori e quattro milioni di euro di incasso: il 29,8% in meno di visitatori e il 26,9% di introiti. Se non siamo di fronte a un fallimento del sistema Beni culturali, poco ci manca.
 
Per rimediare a questa situazione, proprio in questi giorni, l’assessorato ai Beni culturali ha deciso di aprire  ai privati la gestione integrata dei servizi al pubblico per ottimizzare le fasi di rilancio e di sviluppo del sistema museale. 
Gli imprenditori potranno presentare le loro offerte per la gestione dei servizi di biglietteria, di vendita di prodotti editoriali e di oggettistica e, ancora, potranno proporre ulteriori attività da realizzare in loco e sempre connesse alle caratteristiche del bene in questione. 
 
Cinque sono i bandi pubblicati sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, 17 i lotti che sono in gara, 60 i siti culturali in elenco. La frammentazione in 17 lotti è stata voluta per valorizzare tutti i siti, e non solo i più famosi, e per avere più attori imprenditoriali che saranno in sana concorrenza tra loro e quindi alla ricerca di standard qualitativi sempre più alti. 
 
Proprio i siti minori sono risultati i più “problematici” da gestire. Costano alle casse della Regione in termini di personale ma non rendono in quanto a incassi. Per fare un esempio, l’Antiquarium di Termini Imerese, gioiellino riaperto nel 2001 e sede scelta dalla Regione per la presentazione della settimana della cultura in Sicilia, conta ben 19 custodi – tutti della Beni Culturali Spa – che costano circa mezzo milione di euro, ma nel 2009 è stato visitato da soli 991 paganti per un incasso di appena 1.884 euro. Un rapporto di 19 custodi alle prese con 3,4 visitatori al giorno...sicuramente un lusso per il turista e uno spreco per le casse della Regione. 
 
Ma non va meglio ad altri musei minori, anzi. L’Antiquarium di Sabucina, a Caltanissetta, ha visto solo 13 visitatori paganti varcare i propri cancelli nel 2009. L’incasso? 25 euro. Sempre a Caltanissetta il Museo archeologico e la zona di Gibil Gabib hanno registrato 427 paganti per 2.901 euro; il Museo archeologico di Marianopoli 140 paganti per 383 euro. Anche a Catania le cose non vanno meglio: l’area archeologica di Santa Venera al Pozzo (aperta ad ottobre) in tre mesi ha accolto 8 visitatori paganti per un incasso di 15 euro. Nel messinese, la Villa romana di S. Biagio ha fatto 772 euro grazie ai 440 visitatori del 2009. Nella tabella in pagina è possibile visionare il dettaglio dei siti culturali “flop”. E il top? Sono sempre i soliti poli a trainare il carretto. 
 
L’88,5% dei ricavi dei musei siciliani deriva da soli sette siti culturali: il Teatro Antico di Taormina, la Valle dei Templi di Agrigento, la Neapolis di Siracusa, i siti archeologici di Segesta e Selinunte, Monreale e la Villa del Casale di Piazza Armerina. Tutti insieme hanno raccolto 10 milioni degli 11,3 incassati da tutti i siti culturali isolani. 
Tutti gli altri, ignorati (o sconosciuti) ai turisti, si dividono... un piatto di ceci e lenticchie.
 

 
60 musei interessati. I bandi per la gestione dei servizi al pubblico
 
Fra i siti interessati il Teatro greco romano di Taormina, la casa museo di Giovanni Verga e quella di Luigi Pirandello, il Duomo di Monreale, il Castello della Zisa di Palermo; e ancora il Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento, la Galleria regionale di Palazzo Abatellis (Palermo), la Galleria regionale di Palazzo Bellomo e il Castello di Maniace (Siracusa), l'area archeologica di Segesta (Trapani), i teatri Romano e Odeon di Catania.
Gli imprenditori dovranno formulare un’offerta articolata in un parte tecnica (piani gestione dei servizi, delle attività di valorizzazione, delle mostre ed eventi culturali, dei servizi di informazione e della attività didattiche e del servizio di guida) ed una economica (con l'indicazione dei c orrispettivi su fatturati, canoni e introiti da vendita dei biglietti); fra i servizi messi a bando quelli editoriali e librari, di gestione dei punti vendita, del guardaroba, della caffetteria e della biglietteria.

Articolo pubblicato il 06 agosto 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Musei aperti... per un’elemosina -
    BB.CC. Senza programmazione visitatori in diminuzione.
    Sconosciuti. I turisti sconoscono i siti culturali “minori” della Sicilia: costano alle casse della Regione in termini di personale ma non rendono in termini di presenze e incassi.
    Privati. L’assessorato ai Beni culturali ha deciso di aprire ai privati la gestione integrata dei servizi al pubblico per ottimizzare le fasi di rilancio e di sviluppo del sistema museale isolano.
    (06 agosto 2010)
  • Tra i 60 siti da affidare anche molti musei minori -
     L’assessore ai Beni culturali Armao al lavoro per ristabilire gli equilibri. Mappatura del personale per distribuirlo meglio tra i musei
    (06 agosto 2010)


comments powered by Disqus
Fruizione dei beni culturali Andamento degli ultimi 4 anni
Fruizione dei beni culturali Andamento degli ultimi 4 anni
Fruizione dei beni culturali in Sicilia I siti meno visitati – anno 2009
Fruizione dei beni culturali in Sicilia I siti meno visitati – anno 2009
Fruizione dei beni culturali in Sicilia I siti più visitati – anno 2009
Fruizione dei beni culturali in Sicilia I siti più visitati – anno 2009