Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Tra i 60 siti da affidare anche molti musei minori
di Melania Tanteri

 L’assessore ai Beni culturali Armao al lavoro per ristabilire gli equilibri. Mappatura del personale per distribuirlo meglio tra i musei

Tags: Musei, Beni Culturali, Gaetano Armao



Cosa si sta facendo per valorizzare i musei minori, che tutti insieme fanno meno del 30% degli incassi e dei visitatori dell'Isola?
“I siti minori sono importantissimi e possono coinvolgere il territorio e le nostre imprese. I bandi che abbiamo pubblicato guardano proprio in questa direzione. Tra i 60 siti in elenco, infatti, si trovano anche alcuni di quelli minori, come il Museo archeologico di Marianopoli e l’area archeologica di Santa Venera al Pozzo, che entro la fine dell’anno avranno la gestione adeguata”.
State pensando all'idea dei biglietti cumulativi o avete in cantiere altre iniziative?
“Alcune iniziative sono già partite, come quella del biglietto a 1 euro per i residenti nelle provincie nelle quali si trova il sito, in modo da far diventare questi luoghi vitali e non spazi chiusi da visitare una volta e basta. Si sta procedendo poi con la sperimentazione dell’integrazione tra i siti: Segesta e Selinunte, ad esempio, saranno visitabili con un biglietto unico”.
 
Ritiene che con la gestione privata si possano risollevare le sorti di questi poli culturali minori?
“È senz’altro necessario coinvolgere privati che investano, insieme alla Regione, su questi siti. L’idea non è quella di cedere i beni, né quella di spogliarsi della gestione affidandola ciecamente a soggetti privati, ma coinvolgerli in un partnerariato che metta insieme il meglio che può dare l’amministrazione e il meglio di quanto possano dare soggetti privati in termini di energie e capacità manageriali”.
 
Molti di questi musei costano più in termini di personale rispetto agli incassi fatti nel corso di un anno. State pensando a una razionalizzazione del personale dei musei?
“Stiamo procedendo alla mappatura delle varie strutture, per poi distribuire il personale secondo le esigenze”. 

Articolo pubblicato il 06 agosto 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Musei aperti... per un┬ĺelemosina -
    BB.CC. Senza programmazione visitatori in diminuzione.
    Sconosciuti. I turisti sconoscono i siti culturali “minori” della Sicilia: costano alle casse della Regione in termini di personale ma non rendono in termini di presenze e incassi.
    Privati. L’assessorato ai Beni culturali ha deciso di aprire ai privati la gestione integrata dei servizi al pubblico per ottimizzare le fasi di rilancio e di sviluppo del sistema museale isolano.
    (06 agosto 2010)
  • Tra i 60 siti da affidare anche molti musei minori -
     L’assessore ai Beni culturali Armao al lavoro per ristabilire gli equilibri. Mappatura del personale per distribuirlo meglio tra i musei
    (06 agosto 2010)


comments powered by Disqus

´╗┐