Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Pochi fondi, scandalosi ritardi e così la cultura va in vacanza
di Luca Insalaco

Per artisti e spettatori una stagione di digiuno. Il settore pubblico piange, ma i privati non ridono. Daverio va via, Kal’s art slitta in autunno. Compromessa la stagione al Verdura

Tags: Estate Compromessa, Eventi, Teatro Di Verdura



PALERMO - In estate anche la cultura va in vacanza. Mentre altre città, anche meno vocate al turismo, puntano sugli eventi per attrarre turisti o comunque rendere più ricca la loro vacanza, a Palermo la stagione degli eventi è a dir poco claudicante. Tra le cause, la cronica mancanza di risorse, problemi organizzativi e perfino dimenticanze. Slitterà in autunno, ad esempio, Kals’art.

La kermesse organizzata alla Kalsa, avrebbe dovuto svolgersi dal 30 luglio al 25 settembre sotto la direzione artistica di Philippe Daverio. Questo prima che il consulente del sindaco facesse le valigie da Palermo a causa dell’ormai famoso scontro (potenza dei social network) con un gruppo di senzacasa durante il Festino. La causa principale dello slittamento, tuttavia, è stata la mancanza di fondi per la manifestazione. Il Comune di Palermo, infatti, avrebbe presentato il progetto da finanziare in ritardo rispetto alle scadenze fissate. Da qui, vista l’impossibilità di reperire fondi comunali, il rinvio a data da destinarsi.

Anche la stagione estiva del Teatro Verdura è stata compromessa. I primi spettacoli del cartellone estivo sono saltati, rimandati di un mese. Il concerto di Carmen Consoli, previsto per l’inizio di agosto, è slittato a settembre “per dar modo al Comune di Palermo di risolvere gli aspetti burocratici di concessione d’uso del teatro”, come recita una nota dell’agenzia Musica e suoni.
Il Teatro, infatti, è di proprietà dell’Opera pia Castelnuovo e per la concessione al Comune si è resa necessaria una nuova convenzione con il Comune.

 E che dire di Jazzopolis. Gli amanti del jazz che avevano già pregustato i concerti in programma a Villa Pantelleria, hanno dovuto chiedere il rimborso dei biglietti e degli abbonamenti acquistati. La rassegna, infatti, è stata cancellata in corso d’opera, pare per un’improvvisa mancanza di fondi dell’organizzatore.

Le cose non vanno meglio nel “privato”, tra locali non proprio attrezzati a ospitare esibizioni artistiche e rigide applicazioni di norme vetuste che rendono “abusivi” molti degli spettacoli allestiti in città. Esempio ne è la recente chiusura di alcuni locali, disposta dalle forze dell’ordine, in applicazione Testo unico in materia pubblica sicurezza del 1931. Norme ispirate al periodo fascista, superate in molte regioni, nonché da un paio di sentenza della Corte Costituzionale, ma non nella nostra. Insomma, per artisti e amanti della cultura l’estate è quasi una stagione di digiuno.

Fermo da tre anni. Aspettando un regolamento per la cultura
 
PALERMO - La città, intanto, attende di dotarsi di un regolamento comunale per le attività culturali adeguato ai tempi ed alla criticità evidenziate da chi di cultura vorrebbe anche poter vivere. Il regolamento, tuttavia, è bloccato da circa tre anni a Palazzo delle Aquile, in attesa di essere trattato. L’ultima bozza del regolamento ha recepito una serie di indicazioni integrative da parte degli operatori culturali e stava per essere trattato, quando l’amministrazione comunale ne ha chiesto la restituzione agli uffici. “Mi auguro - ha detto Nadia Spallitta, capogruppo di Un’Altra Storia a Sala delle Lapidi - che il regolamento con queste integrazioni trovi finalmente attuazione e che la città si doti di modalità trasparenti per il finanziamento delle azioni culturali, colmando una lacuna ultradecennale”. Questo “per dare una spinta ad un settore fondamentale, quale quello culturale, così tristemente e ingiustificatamente trascurato dall’amministrazione”.

Articolo pubblicato il 13 agosto 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus