Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

In 5 anni aumento del 26% degli occupati con laurea
di Dario Raffaele

5 milioni gli italiani in età da lavoro (16-64 anni) con titolo universitario. I “dottori” sono ricercati dal 13% delle imprese

Tags: Lavoro, Unioncamere, Disoccupati, Occupazione, Laurea



Nel 2009 la popolazione italiana in età da lavoro (16-64 anni) in possesso di un titolo universitario ha superato per la prima volta i cinque milioni di persone, oltre 1,2 milioni in più rispetto a soli 5 anni prima (2004), per una variazione pari al 31,6%; di esse 4,1 milioni appartenevano alle forze di lavoro, con una variazione del 26,4%. Sul complesso della popolazione i laureati hanno raggiunto il 12,8% e sul complesso delle forze di lavoro il 16,7%.
Nello stesso periodo, le forze di lavoro in possesso di diploma di scuola media superiore sono aumentate del 9%, quelle con qualifica professionale del 5%, quelle con licenza media sono invece diminuite del 4,5% e quelle con al massimo la licenza elementare sono letteralmente crollate, con un calo quasi del 36%.

Nel lungo periodo, il 2004 e il 2009, gli occupati con titolo universitario sono aumentati del 26,5%, i diplomati del 9,5%, i qualificati del 3%, mentre gli occupati con licenza media o elementare sono diminuiti rispettivamente del 4,4 e del 35,8%.
Le imprese private con dipendenti, cui si riferisce l’universo dell’indagine Excelsior, si sono mosse nella stessa direzione, in primo luogo con l’aumento della quota di imprese che hanno programmato l’assunzione di laureati e diplomati: per i primi dall’8% del 2006 al 13% del 2010, per i secondi dal 40,4 al 53,9%; questa tendenza ha interessato sia nel breve che nel medio periodo le imprese di tutte le classi dimensionali, incluse quelle più piccole, nelle quali la presenza di diplomati (e soprattutto di laureati) è sempre stata inferiore a quella che si riscontra nelle medie e nelle grandi imprese.

Articolo pubblicato il 19 agosto 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • I lavori che i siciliani non sanno fare -
    Excelsior  2010. Siciliani incompetenti restano senza lavoro.
    Sistema formativo. Le difficoltà di reperimento dipendono nel 35% dei casi, dall’insoddisfacente preparazione dei candidati, e quindi, dalle carenze del sistema formativo.
    Neo imprenditori. Il periodo di crisi ha “premiato” chi ha deciso di mettersi in gioco autonomamente, puntando sulla propria inventiva. In Sicilia i lavoratori autonomi sono aumentati del 3,4 per cento nel 2009.
    (19 agosto 2010)
  • In 5 anni aumento del 26% degli occupati con laurea -
    5 milioni gli italiani in età da lavoro (16-64 anni) con titolo universitario. I “dottori” sono ricercati dal 13% delle imprese
    (19 agosto 2010)
  • Ingegneri ambientali i pi├╣ richiesti dal mercato -
    La ripresa delle assunzioni per il 2010 non riguarda tutte le lauree. Anche per gli economisti si prevedono ottime prospettive
    (19 agosto 2010)


comments powered by Disqus

´╗┐