Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La società è decotta appetibili solo le rotte
di Rosario Battiato

Il Tribunale fallimentare di Roma ha dichiarato l’insolvenza. Tirrenia e Siremar hanno 1.280 dipendenti siciliani

Tags: Tirrenia, Regione Siciliana, Mediterranea Holding, Siremar



ROMA – L’insolvenza di Tirrenia, dichiarata dal Tribunale fallimentare di Roma, presieduto da Ciro Monsurrò e affiancato dai delegati Francesco Taurisano e Fabrizio Di Marzio, su istanza presentata dal commissario straordinario Giancarlo D’Andrea, ha praticamente portato allo scoperto ancora una volta le beghe finanziarie della compagnia.
Secondo la relazione del commissario straordinario, Tirrenia mantiene al suo attivo 1.646 unità di risorse umane.
Complessivamente si può parlare di 2.200 unità, comprendendo anche la Siremar, di cui 1.280 siciliani, che costituiscono certo una forte spinta propulsiva sul mondo politico isolano. Ma è una condizione che avrebbe giustificato un ulteriore inabissamento delle già compromesse casse regionali? Le cifre sono da capogiro. I debiti ammontano complessivamente a 646,6 milioni di euro, secondo la sentenza, e la situazione contabile, aggiornata al 4 agosto 2010, ha già registrato 15 milioni di euro di debito scaduti, mentre ci sono altri 227 milioni di debiti verso banche a breve, e 182 milioni che rappresentano la quota debitoria a medio e lungo termine. Si tratterebbe insomma dell’ennesimo baraccone sulle già gravate spalle sicule, proprio mentre il vento politico soffia da tutt’altra parte.

“La crisi Tirrenia può diventare invece – ha spiegato Francesco Sanna, senatore del Partito democratico – un’occasione per modernizzare e rendere più efficiente il sistema dei trasporti via mare. Rimuovere il macigno del monopolio delle sovvenzioni pubbliche in capo a Tirrenia consentirà non solo di aumentare la concorrenza su tratte commercialmente interessanti, ma anche di attivare gare aperte a tutti gli operatori per nuovi contratti di servizio con le isole italiane. Se per raggiungere questi obiettivi si dovranno dividere gli asset di Tirrenia, non lo troverei affatto scandaloso”.

Articolo pubblicato il 20 agosto 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Regione, idea Tirrenia fallimentare -
    Partecipate. Lo strano caso di un acquisto mancato.
    L’operazione. A distanza di due settimane dall’annullamento della gara per la privatizzazione della Tirrenia, con un unico acquirente - la cordata capeggiata dalla Regione siciliana - non si placano le polemiche e i dubbi.
    L’intenzione. Il presidente Lombardo insiste nella volontà di portare a Palermo la sede legale della società che, intanto, è stata dichiarata insolvente. Ha senso, allora, partecipare ad una rischiosa acquisizione?
    (20 agosto 2010)
  • La società è decotta appetibili solo le rotte -
    Il Tribunale fallimentare di Roma ha dichiarato l’insolvenza. Tirrenia e Siremar hanno 1.280 dipendenti siciliani
    (20 agosto 2010)
  • "Alla ripresa dei lavori Ars sia fatta piena luce" -
    Le reazioni pro e contro l’operazione nel Parlamento siciliano. Caputo (Pdl): “Istituire una commissione d’inchiesta”
    (20 agosto 2010)


comments powered by Disqus