Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

L’assalto a Playa Carratois già stravolta in pochi mesi
di Riccardo Bedogni

 La spiaggia è Sito d’interesse comunitario e Zona a protezione speciale. Dune di sabbia spianate per far posto alle automobili

Tags: Playa Carratois, Siracusa



SIRACUSA - Estremo Sud della Sicilia, nel siracusano: è qui che negli ultimi tempi sta avvenendo un assalto alle coste, che spesso gode della compiacenza degli enti preposti al controllo e alla tutela. 
Emblematica è la vicenda relativa alla realizzazione di un complesso balneare a Playa Carratois, in località Punta Rio. Nel 2009 la società Dune Srl, che ha tra i proprietari nomi di spicco della politica siracusana, ha ottenuto regolare concessione dalla Regione per l’utilizzo del Demanio a scopi turistici. Nel giro di breve sono seguite le autoizzazioni degli altri Enti: Capitaneria di Porto, Soprintendenza ai Beni culturali. La questione nasce quando la Dune Srl richiede all’ufficio tecnico del Comune di Pachino l’autorizzazione a realizzare un parcheggio per gli avventori del lido, che viene rilasciata senza problemi.Tuttavia, l’area in cui sorge lo stabilimento balneare è un Sito d’interesse comunitario e Zona a protezione speciale, quindi andavano rispettate tutta una serie di prescrizioni, evidenziate anche dalla Soprintendenza nel suo nulla osta al parcheggio, che sono state completamente ignorate dalla società. 
 
Tra queste il rispetto della natura circostante, con la preservazione della flora arboricola, luogo di nidificazione di numerosi uccelli, e la salvaguardia delle dune di sabbia, che sono state invece spianate per far posto alle auto. E in tutto ciò i controlli da parte della Soprintendenza non sono mai avvenuti. 
Come se non bastasse, nel tempo si è aperta una lunga battaglia con i privati, proprietari della stradella, unica via d’accesso al Lido. Diverse le sentenze che ribaltavano di volta in volta il verdetto, fatto sta che il Lido le Dune, ha regolarmente operato anche quest’estate.

Articolo pubblicato il 24 agosto 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Le coste affogano nel cemento -
    Ambiente. Numerose risorse e scarsa valorizzazione.
    Cambiamenti. La realizzazione di strutture di vario genere ha in molti casi alterato in maniera permanente i litorali e, di conseguenza, anche l’ecosistema delle aree interessate.
    Strumenti di tutela. Fondamentale l’approvazione e l’attuazione dei Piani paesistici: la Regione ha dato il via libera alle linee guida nel 1999, ma in molte città non ve n’è traccia.
    (24 agosto 2010)
  • Il destino del “Chiancone” contro la minaccia del Prg -
     Villette e strutture turistiche sono state preferite a un parco suburbano. Il Comune di Riposto ha previsto l’edificabilità della zona 
    (24 agosto 2010)
  • L’assalto a Playa Carratois già stravolta in pochi mesi -
     La spiaggia è Sito d’interesse comunitario e Zona a protezione speciale. Dune di sabbia spianate per far posto alle automobili
    (24 agosto 2010)


comments powered by Disqus
Sbancamenti a Playa Carratois (rb)
Sbancamenti a Playa Carratois (rb)