Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - In città aumentano i visitatori ma la crisi ha ‘affondato’ i lidi
di Melania Tanteri

Estate difficile per gli stabilimenti balneari: i clienti sono diminuiti del 10 per cento rispetto al 2009. Il Bureau turismo del Comune evidenzia una crescita del 60 % delle presenze

Tags: Turismo, Lidi, Playa, Stabilimenti Balneari



CATANIA - Una crisi lunga e ancora lontana dal finire: commercianti in grande difficoltà e, come se non bastasse, una stagione balneare che ha fatto registrare perdite consistenti, nonostante il bel tempo e l’afa. A Catania i mesi caldi del 2010 stanno per chiudersi con un segno negativo, rispetto all’anno precedente, per molti gestori degli stabilimenti. Il tutto nonostante le condizioni atmosferiche, in controtendenza rispetto al Nord e al Centro Italia, si siano mantenute sempre soleggiate.
La conferma arriva dal Sindacato dei balneari, il Sib,  il cui presidente provinciale, Giuseppe Ragusa, parla di un calo di presenze, rispetto alla stagione 2009, di circa il 15 per cento, alla Playa come alla scogliera.

“Quella che si sta per chiudere – afferma Ragusa –  è una tra le peggiori stagioni degli ultimi anni, con una diminuzione delle presenze sia relativamente alla clientela stagionale che relativamente a quella giornaliera, che hanno fatto registrare rispettivamente il 10 e il 15 per cento in meno rispetto all’anno precedente”.
Abbonamenti invenduti, dunque, ma anche contrazione dei consumi nei bar e nei ristoranti degli stabilimenti, a testimonianza del momento di difficoltà che i catanesi stanno attraversando.
La causa principale di un andamento così negativo sarebbe, infatti, da attribuirsi prevalentemente al perdurare della crisi economica che avrebbe portato molti clienti abituali a rinunciare all’affitto della cabina per il trimestre giugno-agosto e quelli giornalieri a rinunciare ai servizi e scegliere la convenienza della spiaggia libera.

“La crisi economica – afferma il proprietario di uno dei più noti lidi del litorale sabbioso di Catania – è sicuramente la principale responsabile di una stagione tanto negativa, ma a questo va sicuramente aggiunta la scarsa presenza di turisti, in particolare di quelli stranieri”.
Secondo il Sib, infatti, si è ridotta, quest’anno, la presenza di turisti negli stabilimenti balneari della Playa dove il numero sarebbe inferiore all’anno passato, nonostante l’aumento delle presenze in città registrato dal Bureau turismo istituito dall’amministrazione.

Secondo gli ultimi dati a disposizione del Comune, che fanno riferimento al trimestre aprile–giugno 2010, vi è infatti stato un aumento notevole dei turisti che si sono rivolti all’ufficio, il cui numero è passato da 3.427 a 5.363, quasi il 60 per cento in più.
“La presenza dei visitatori in città – spiega l’assessore al Turismo, Rita Cinquegrana – è aumentata rispetto al 2009  grazie al lavoro sinergico con i tour operator e al coordinamento tra i vari assessorati, quello alla Cultura e quello al Commercio ad esempio”.

“L’intento dell’amministrazione – conclude – è quello di destagionalizzare i flussi turistici, come chiesto dagli operatori del settore, attraverso la realizzazione di eventi culturali”.

Articolo pubblicato il 01 settembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
I dati parlano
I dati parlano