Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

I risparmi della Gelmini, tagli per strutture migliori
di Michele Giuliano

Riconosciuta la situazione disastrosa di molti edifici in Sicilia. Il governo Berlusconi garantisce qualità negli interventi

Tags: Scuola, Sicurezza, Mariastella Gelmini



PALERMO - L’auspicio è che venga stanziata una buona fetta del miliardo di euro previsto per tutta Italia per l’edilizia scolastica alla Sicilia. Viene riconosciuta effettivamente la situazione disastrosa di molti edifici. Vengono però respinte al mittente le accuse di eccessivi tagli agli organici che ridurrebbero la sicurezza nelle scuole: “Anzitutto ci stiamo muovendo con assunzioni e immissioni in ruolo per questo anno scolastico – afferma il ministro Mariastella Gelmini – Sono in arrivo 647 dirigenti scolastici, 8 mila docenti e altrettante unità di personale Ata. Il Governo sta lavorando per garantire continuità didattica agli studenti, assicurare la stabilità necessaria al personale della scuola e la continuità organizzativa a tutte le istituzioni scolastiche”.
Secondo il ministro la scuola così com’è oggi “forma poco ed ha perso il ruolo di ascensore sociale: non possiamo fermarci di fronte a falsi problemi, perdendo di vista il fatto che il Paese cresce nella misura in cui cresce la qualità della scuola e dell’Università”.

A sostegno della Gelmini l’intervento del ministro delle Politiche giovanili, Giorgia Meloni: “La scuola – aggiunge - si è trasformata in uno stipendificio perdendo di vista gli obbiettivi educativi. In Italia ci sono più collaboratori scolastici che carabinieri. Il numero di coloro che una volta venivano chiamati semplicemente bidelli è pari a 2,2 per classe e costano allo Stato 4 miliardi all’anno. La mentalità che ha fatto della scuola uno stipendificio ha limitato per anni la possibilità di riforma”.
Quindi il Governo nazionale va avanti sulla strada della rigidità proprio nell’ottica di utilizzare i fondi risparmiati anche sul fronte dell’edilizia scolastica.

Articolo pubblicato il 30 settembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Scuole: quattro su cinque a rischio -
    Sicurezza. Interminabili carenze negli istituti siciliani.
    Strutture fatiscenti. Finestre rotte, muri imbrattati, palestre malandate, aule sporche e sovraffollate. La normativa su impianti e barriere architettoniche viene sistematicamente violata.
    Emergenze. Nel capoluogo in dodici scuole gli studenti convivono con gli operai. Persino 35 o 40 alunni in classe a Catania e a Licata. Tetti in eternit a Trapani, lezioni in caserma ad Enna.
    (30 settembre 2010)
  • Guido Di Stefano: “L’edilizia è ancora molto carente” -
    Si spera nel miliardo di euro promesso dal ministero per la Pubblica istruzione. L’ammissione del direttore dell’Ufficio scolastico regionale
    (30 settembre 2010)
  • I risparmi della Gelmini, tagli per strutture migliori -
    Riconosciuta la situazione disastrosa di molti edifici in Sicilia. Il governo Berlusconi garantisce qualità negli interventi
    (30 settembre 2010)


comments powered by Disqus