Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Il bando pubblico assicura il reclutamento dei migliori
di Lucia Russo

Le parole del Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana. Parere n. 204/08, dall’adunanza del 1° aprile 2008 in sezioni riunite

Tags: Lavoro, Precari, Aspirante, Disoccupati



In mancanza dell’attivazione della selezione pubblica viene leso il principio di uguaglianza anche “partecipativa” di tutti i cittadini nonché il principio che garantisce loro la possibilità di accedere, in condizioni paritarie, ai pubblici Uffici. Così il Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Siciliana nell’adunanza del primo aprile 2008 a sezioni riunite, parere n. 204/2008.
In quel caso la questione era stata sollevata da un ricorso straordinario al presidente della Regione avverso un decreto dell’assessore alla Presidenza che procedeva ad una selezione solo per interni per l’inquadramento nella categoria D. I ricorrenti motivavano il ricorso con l’eccesso di potere “sotto il profilo dello sviamento e della disparità di trattamento in relazione agli artt. 97, 3, 4 e 51 della Costituzione”. Il decreto impugnato sarebbe stato emesso a seguito di un errore interpretativo, in quanto l’art.14 della l.r. n.23/2002 - citata dal decreto stesso -  ha invece espressamente prescritto l’armonizzazione degli accordi contrattuali ai principi sanciti dagli artt. 3 e 97 della Costituzione.
Il Consiglio di giustizia amministrativa della Sicilia ha dichiarato fondata la censura e ha accolto il ricorso, considerato che un selettivo accertamento delle attitudini, non è restringibile ai soli dipendenti dell’Amministrazione, ma deve essere aperto anche alla partecipazione degli estranei, cosi assicurando il reclutamento dei migliori.
Nel caso in questione si poneva anche l’illegittimità della procedura per la finalità della stessa alla progressione verticare (passaggio dalla categoria C alla D). Per questo il Cga ha inserito altre motivazioni di accoglimento del ricorso che non riportiamo perchè non di interesse in questa sede. Tra tutte però è da richiamare la seguente: “la discrezionalità trova sempre il limite nella necessità di garantire il buon andamento della Pubblica anninistrazione” ripreso dalla Corte costituzionale sentenza n. 34/2004.

Articolo pubblicato il 01 ottobre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • A disoccupati e precari pari diritto -
    Ingiustizie. Stabilizzazioni contrarie alla Costituzione.
    Deroga al concorso pubblico. Può essere considerata legittima nei limiti in cui non si traduca in norme di privilegio in danno di altri aspiranti (Consiglio di Stato n. 4495/10).
    Gratuito patrocinio. Per i meno abbienti per fare ricorso al Tribunale amministrativo regionale per annullare la stabilizzazione è possibile farsi assistere dall’avvocato a spese dello Stato.
    (01 ottobre 2010)
  • ┬ôStabilizzare ma solo dopo aver varato il Piano industriale┬ö -
    La parola a Giovanni Condorelli, segretario regionale del sindacato Ugl Sicilia. Senza aver definito il fabbisogno nei Servizi la procedura è “forzata”
    (01 ottobre 2010)
  • Corte Costituzionale sentenza n. 293/09 -
    “Il superamento di una selezione pubblica requisito troppo generico per una successiva stabilizzazione senza concorso”
    (01 ottobre 2010)
  • Fare ricorso al Tar col gratuito patrocinio -
    Occorre agire subito per fare valere i propri diritti. Assistiti dall’avvocato ma a spese dello Stato.
    (01 ottobre 2010)
  • Il bando pubblico assicura il reclutamento dei migliori -
    Le parole del Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana. Parere n. 204/08, dall’adunanza del 1° aprile 2008 in sezioni riunite
    (01 ottobre 2010)


comments powered by Disqus

´╗┐