Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Commissione Ue dell’Ars limitata a dare solo pareri
di Raffaella Pessina

Tags: Giuseppe Gennuso, Ars



Come componente della Commissione Europea all’Ars, pensa che si dovrebbe dare un maggiore impulso alla spesa? La Commissione dovrebbe essere dotata di maggiori poteri?
“Purtroppo si tratta di una Commissione, quella Ue, che non ha poteri, perché il suo parere è obbligatorio, ma non vincolante. Quindi prende solo atto degli atti che arrivano da Bruxelles o si trova nelle condizioni di poter fare solo delle proposte. E’ una commissione solo interlocutoria, ma alla fine non arriva ad alcun risultato. Anche perché per avere un rapporto forte con Bruxelles ci vorrebbe che una delegazione della Commissione stessa potesse interloquire direttamente con la sede dell’Unione Europea, per attenzionare da vicino quelli che sono i problemi. Fatto questo che in più occasioni abbiamo tentato di fare, cioè di recarci direttamente a Bruxelles, ma non c’è mai stato l’appoggio della Presidenza. Sicuramente lo ha fatto a fin di bene, cioè per perseguire la politica contro gli sprechi, ma in questo caso penso non si sarebbe trattato di sprecare i soldi dei cittadini, ma di investirli produttivamente. Indennizzi giusti per attività propositive”.

Quali sono gli altri provvedimenti che avete adottato per ridurre gli sprechi di Palazzo dei Normanni ?
“Innanzitutto tutto ciò che riguarda le missioni. Mentre in passato venivano rimborsate tutte le spese che il deputato presentava a fine missione, oggi viene fatto un rimborso di 500 euro al giorno e basta. Questa è stata la politica del Ufficio di Presidenza”.

Articolo pubblicato il 14 ottobre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus