Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Risorse da distribuire secondo criteri di merito
di Dario Raffaele

Miglioramenti e innovazioni volte al soddisfacimento del cittadino. Procedimenti amministrativi da concludersi in 90 giorni



Il Sistema di misurazione della performance delle pubbliche amministrazioni deve essere orientato principalmente al cittadino; la soddisfazione e il coinvolgimento del cittadino costituiscono, infatti, il vero motore dei processi di miglioramento e innovazione. La misurazione della performance consente di migliorare l’allocazione delle risorse fra le diverse strutture, premiando quelle virtuose e di eccellenza e riducendo gli sprechi e le inefficienze.

Con la deliberazione n. 1 del 13 gennaio sono stati individuati gli standard provvisori per l’attività delle amministrazioni pubbliche. Ricordiamo che la norma di legge prevede che essi siano adottati dal governo, con cadenza annuale, sulla base delle proposte della Commissione. Ovviamente la loro elaborazione richiede lo svolgimento di una specifica ed intensa attività, che non può che partire dalle informazioni fornite dalle singole amministrazioni.

Nelle more, la deliberazione ci dice che tali standard vengono individuati nelle previsioni di termini fissati da leggi o regolamenti ovvero nelle carte dei servizi esistenti e negli eventuali ulteriori provvedimenti in materia adottati dalle singole amministrazioni.
Tale indicazione determina come conseguenza sulla assegnazione degli obiettivi e sulla individuazione delle performance che il rispetto di questi vincoli costituisca un obbligo specifico e non superabile.

Ricordiamo che, sulla base delle previsioni di cui alla legge n. 69/2009, i termini per la conclusione dei procedimenti amministrativi sono fissati direttamente da parte del legislatore in 90 giorni e che le singole amministrazioni, con regolamento da adottare entro la fine del mese di giugno, cioè entro 1 anno dalla entrata in vigore della legge, possono motivatamente ampliarlo fino alla soglia massima di 180 giorni.

Articolo pubblicato il 14 ottobre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • La Regione fa i conti senza lÂ’oste -
    Performance. Senza organizzazione apparati inefficienti.
    Obbligatorio. Il Piano aziendale di un ente pubblico è obbligatorio ai sensi dell’articolo 97, comma 2 della Costituzione, che fa riferimento all’imparzialità della pubblica amministrazione.
    Pianta organica. La Regione si avvale di 13.528 dipendenti a tempo indeterminato e oltre 7.000 a tempo determinato. In totale 20.642 unità di cui 2010 dirigenti, uno ogni 5,6 dipendenti.
    (14 ottobre 2010)
  • La Civit per sovrintendere alle funzioni di valutazione -
    Il d. lgs. 150/09 per l’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico. La Commissione vigila sul rispetto delle performance
    (14 ottobre 2010)
  • Risorse da distribuire secondo criteri di merito -
    Miglioramenti e innovazioni volte al soddisfacimento del cittadino. Procedimenti amministrativi da concludersi in 90 giorni
    (14 ottobre 2010)


comments powered by Disqus