Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Assistenza primaria: 39 posti
di Valeria Nicolosi

Riapertura dei termini per la sede di Cefalù, con la rettifica sulla Gurs dell’assessorato Salute. Per Catania e Palermo 10 ciascuno. I medici interessati hanno 30 gg per candidarsi

Tags: Sanità, Assistenza Primaria



PALERMO - Pubblicata la rettifica al decreto 2114/10 del 27 agosto 2010 sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 44 dell’8 ottobre 2010, riguardante le zone carenti di assistenza primaria accertate all’1 settembre 2009, che integra un altro posto vacante nella provincia di Palermo, nel territorio di Cefalù.

Fermo restando che rimangono valide le domande di partecipazione già presentate in precedenza, la rettifica riapre i termini di presentazione delle domande esclusivamente per la carenza relativa al posto di Cefalù. I medici interessati dovranno trasmettere a mezzo raccomandata A.R. apposita domanda entro 30 giorni dalla pubblicazione della rettifica al decreto (8 ottobre 2010) secondo gli schemi allegati al testo. Concorrono automaticamente coloro che nella domanda di partecipazione presentata precedentemente avevano già  indicato di voler concorrere per tutti gli incarichi carenti.

Con un piccolo passo indietro, sul n.40 della Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 10 settembre 2010 l’assessorato regionale della Salute aveva già pubblicato il decreto 2114/10 con l’elenco completo delle zone carenti di assistenza primaria accertate all’1 settembre 2009.

Il termine già scaduto per la presentazione delle domande era previsto entro i 30 giorni successivi alla pubblicazione del decreto. Con la rettifica i termini si riaprono ma solo per coloro che presentano domanda per il posto vacante di Cefalù.
In totale il decreto individuava 38 posti vacanti in tutta la Regione Sicilia (adesso 39, grazie all’integrazione della rettifica). Per le provincie di Palermo e Catania si riscontra il maggior numero di possibilità, rispettivamente 10 posti vacanti per ciascuna delle due provincie. Seguite da quella di Siracusa con 7 posti vacanti. Enna, invece, l’unica provincia che gode di buona salute, li nessun posto vacante. I requisiti necessari ai medici per partecipare all’assegnazione sono indicati dall’art. 2 del decreto.

Possono concorrere al conferimento degli incarichi: i medici che fruiscono della norma di cui all’art 1, comma 16, del D.L. n. 324/93, convertito nella legge n 423/93, limitatamente all’ambito territoriale di provenienza, i medici che sono già iscritti in uno degli elenchi convenzionati per l’assistenza primaria sia della Regione Sicilia da almeno due anni e di altre regioni da almeno quattro anni e i medici inclusi nella graduatoria regionale definitiva relativa al settore di assistenza primaria valida per l’anno 2009 che al momento della presentazione della domanda non risultano titolari a tempo indeterminato di assistenza primaria. Secondo l’art. 8 del decreto questi ultimi sono graduati nell’ordine risultante in base ai criteri indicati.

I medici inclusi nella graduatoria regionale per l’assistenza primaria del 2009 avranno un’integrazione di punteggio pari a p.7,20. I medici che sono residente nella zona per la quale concorrono da dal 31 gennaio 2006 avranno un’attribuzione di 5 punti e infine 20 punti saranno assegnati ai medici residenti in Sicilia dal 31 gennaio 2006 (previa presentazione del certificato di residenza storico). Le graduatorie, dunque, (come cita l’art. 9) vengono formulate sulla base dell’anzianità e dei relativi punteggi. Nei casi di parità i medici saranno ulteriormente graduati secondo la minore età, il voto di laurea e l’anzianità di laurea. Peraltro ed infine con l’art. 11 l’assessorato riserva il 60% dei posti disponibili in favore di quei medici in possesso dell’attestato di formazione in M.G.
 

 
In allegato al decreto domande da inviare con raccomandata a.r.
 
Per coloro che volessero presentare domanda di reiscrizione per partecipare all’assegnazione del posto vacante indicato dalla rettifica del decreto n. 2114/10 del 27 agosto 2010, concernente gli ambiti carenti di assistenza primaria accertati all’1 settembre 2009, in allegato al testo sono presenti le domande da presentare per mezzo raccomandata A.R. all’assessorato regionale della Salute – Dipartimento per la pianificazione strategica – servizio 2 “Personale convenzionato S.S.R.” – piazza Ottavio Ziino n.24 – 90145 Palermo.
 La documentazione da presentare è la stessa indicata dal decreto per partecipare all’assegnazione di tutti i posti vacanti individuati. In allegato al decreto la modulistica da compilare classificata in base alle richieste di assegnazione. Per i medici che vogliono accedere per Reiscrizione è possibile compilare l’allegato A e A1 del decreto contenenti la domanda di reiscrizione e la dichiarazione sostitutiva di atto notorio. Per coloro che, invece, vogliono concorrere per Trasferimento occorre compilare l’allegato B -domanda di partecipazione all’assegnazione degli ambiti territoriali carenti di assistenza primaria - e l’allegato B1 – dichiarazione sostitutiva di atto notorio. Infine per l’assegnazione per graduatoria, i medici interessati dovranno inviare i moduli C – domanda di assegnazione per graduatoria – e C1 – ovvero l’autocertificazione.
 Alcune delle domande, peraltro, richiedono di accludere la dichiarazione sostitutiva di atto notatorio (l’allegando D) che si trova a pag. 28 della Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 44, ultimo degli allegati previsti per la domanda di accesso. Sottolineiamo che la riapertura dei termini riguarda solo le richieste per l’assegnazione del posto vacante a Cefalù.
Per l’assegnazione dei posti elencati dal decreto 2114/10 rimane valida la documentazione già presentata entro i 30 giorni dalla pubblicazione del 10 ottobre 2010.

Articolo pubblicato il 19 ottobre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐