Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Eolico: speculazioni e grandi impianti i motivi del “No”
di Giuseppe Bellia

Tags: Ambiente



LENTINI (SR) – Anche le energie rinnovabili delle multinazionali nella scure dell’assessore regionale Territorio ed Ambiente Pippo Sorbello. “Non possiamo accettare che vengano in Sicilia aziende internazionali vogliono incamerare soldi per vent’anni per poi andare via”. Di presunte speculazioni sul macroeolico, Sorbello ha supposto una mera spiegazione imprenditoriale. “L’unico investimento al mondo che viene ammortizzato in 38 mesi è quello del macroeolico, perché l’incentivo dei certificati verdi arriva sino 500 mila euro l’anno”. Un “no” ai megaimpianti che favorirebbero secondo Sorbello solo determinate categorie professionali. Una sorta di “corsa all’oro delle rinnovabili” bloccata e regolamentata dal Piano regionale energetico ed ambientale. L’assessore ha tindicato le iniziative in materia che la Regione  siciliana ha già adottato. “Dobbiamo incentivare il microeolico e i piccoli impianti fotovoltaici per dare una ricaduta ai siciliani e alle piccole imprese”.

Articolo pubblicato il 13 giugno 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Eolico: speculazioni e grandi impianti i motivi del “No” - (13 giugno 2009)
  • Di Stefano: “Per le opere spesi centinaia di milioni” - Il presidente di Confindustria Siracusa ribatte al Governo. “Solo la Syndial (Eni) ha eseguito lavori per 270 milioni” (13 giugno 2009)
  • Polo energetico, l’eredità sulla salute è pesante - Gli ultimi dati disponibili confermano quanto già si sapeva. Soprattutto ad Augusta alto il tasso d’incidenza dei tumori (13 giugno 2009)
  • Risanamento ambientale, solo fumo - Ambiente. Priolo-Augusta-Melilli e l’annosa questione.
    L’intervento. Grande industrializzazione e impatto ambientale: nel triangolo Priolo-Augusta-Melilli è sempre attuale. Le parole dell’assessore regionale all’Ambiente riaprono una ferita mai guarita.
    All’indice. Mentre anche la Corte dei Conti dà il benestare all’imponente bonifica della rada di Augusta, le aziende vengono messe di nuovo sotto accusa per non avere realizzato sufficienti opere antinquinamento. (13 giugno 2009)


comments powered by Disqus