Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Di Stefano: “Per le opere spesi centinaia di milioni”
di Giuseppe Bellia

Il presidente di Confindustria Siracusa ribatte al Governo. “Solo la Syndial (Eni) ha eseguito lavori per 270 milioni”

Tags: Ambiente



SIRACUSA - Alvaro Di Stefano, presidente Confindustria Siracusa, documenta attraverso un elenco d’opere realizzate e in corso, l’impegno concreto delle industrie, nella realizzazione di progetti di risanamento ambientale. “La Syndial attività diversificate, società del gruppo Eni, ha già realizzato – ha affermato il presidente di Confindustria - investimenti per complessivi 270 milioni d’euro per alcuni importanti interventi ambientali”.
Ecco alcune delle opere menzionate da Di Stefano: il confinamento fisico di circa 5 Km del tratto di costa a sud del Vallone della Neve, 70 milioni d’euro d’investimento; il confinamento fisico dell’area Po e costruzione di un impianto di trattamento acque di falda (Taf_Po) dedicato da 10 m3/h, con un costo pari a circa 12 milioni d’euro; la costruzione impianto di Trattamento acque di falda di sito (in corso) da 600 m3/h, con un ammontare pari a circa 100 milioni d’euro. A questi interventi più di carattere generale, ne sono stati eseguiti e sono in corso altri più specifici: interventi di Messa in Sicurezza d’Emergenza in area A4, SG14, E e C1- per una spesa complessiva pari a circa 20 milioni d’euro. Altri progetti hanno riguardato le acque reflue: si è intervenuti sui pozzi idropotabili e i filtri per il comune di Priolo, a fronte di una spesa di 7 milioni d’euro.
è in corso l’opera di bonifica dei suoli a sud del Vallone della Neve che ammontano ad un costo complessivo pari a circa 55 milioni di euro. Infine, si è intervenuti anche sulla rimozione delle infrastrutture, come quella in area SG14 – realizzata con un costo pari a circa 3 milioni di euro e quella in area D/2 (opera in corso), con un costo pari a circa 1 milione d’euro.

Articolo pubblicato il 13 giugno 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Eolico: speculazioni e grandi impianti i motivi del “No” - (13 giugno 2009)
  • Di Stefano: “Per le opere spesi centinaia di milioni” - Il presidente di Confindustria Siracusa ribatte al Governo. “Solo la Syndial (Eni) ha eseguito lavori per 270 milioni” (13 giugno 2009)
  • Polo energetico, l’eredità sulla salute è pesante - Gli ultimi dati disponibili confermano quanto già si sapeva. Soprattutto ad Augusta alto il tasso d’incidenza dei tumori (13 giugno 2009)
  • Risanamento ambientale, solo fumo - Ambiente. Priolo-Augusta-Melilli e l’annosa questione.
    L’intervento. Grande industrializzazione e impatto ambientale: nel triangolo Priolo-Augusta-Melilli è sempre attuale. Le parole dell’assessore regionale all’Ambiente riaprono una ferita mai guarita.
    All’indice. Mentre anche la Corte dei Conti dà il benestare all’imponente bonifica della rada di Augusta, le aziende vengono messe di nuovo sotto accusa per non avere realizzato sufficienti opere antinquinamento. (13 giugno 2009)


comments powered by Disqus