Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

“Campagna amica”, l’altra faccia del chilometro zero
di Sebastiano Ambra

Intervista ad Alfredo Mulè, presidente della Coldiretti siciliana. “Con noi cadenze settimanali e il 30% in meno”

Tags: Consumo, Codacons, Coldiretti, Alfredo Mulè



CATANIA - “Non ‘mercato del contadino’, ma ‘Campagna amica’. Questa è la prima differenza”.
Dalle parti di Coldiretti ci tengono alle distinzioni, e coi “Mercati del Contadino” organizzati da altri le distinzioni ci sono eccome.
Al di là del nome, quello che fa di “Campagna amica” un punto di riferimento per i consumatori è il dettato sul prezzo: “C’è un ragolamento, ad esempio la stagionalità dei prodotti - dice Alfredo Mulè, presidente dell’associazione - in base al quale le aziende che partecipano devono possedere determinate caratteristiche, ma quello che più conta è il prezzo di vendita, ossia il 30% meno rispetto alla rilevazione dei prezzi che viene fatta dal serivizio ministeriale “Sms Consumatori”.
Il servizio qui al Qds lo conosciamo bene, dato che insieme alla Mercuariale di Vittoria è posto alla base del “Paniere alimentare” pubblicato settimanalmente.

Chiediamo come funzioni, quali siano le cadenze, e Mulè spiega che si sta cercando di coprire l’Isola in maniere capillare: “Siamo presenti con cadenza settimanale in ogni capoluogo di provincia, e siamo arrivati anche in altre città, come Sciacca.
“A Palermo da due-tre anni il sabato siamo a Villa Sperlinga, a Catania vicino il tribunale... La cosa importante - continua Mulè - è che sono ubicati in zone dove risiede una fascia della popolazione dal reddito medio-alto: questa ha la possibilità di avere un contatto diretto col mondo agricolo, cosa difficile da ottenere in città”.
Chiediamo se questi vantaggi saranno possibili nel tempo anche per la provincia, e Mulè rassicura sull’impegno dell’associazione in questo senso. L’impegno e la rivendicazione del lavoro appaiono sinceri. Buono a sapersi.

Articolo pubblicato il 26 ottobre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Filiera lunga, peperonata indigesta -
    Consumo. Peperonata indigesta per i consumatori.
    Rincari. Le stime della Confederazione italiana agricoltori parlano di un calo dei prezzi all’origine del 4,5% ma il Codacons denuncia rincari anche del 1300% per le tasche dei consumatori.
    Produzione. In calo anche la produzione (-2,1%): conseguenza diretta è il sempre maggior ricorso ai prodotti esteri che sono anche meno cari rispetto a quelli italiani (di miglior qualità).
    (26 ottobre 2010)
  • Trasparenza o convenienza tra ortaggi e formaggi? -
    Un giro ad Acireale fra gli stand del “3° Mercato del Contadino”. Il Codacons: “Ci assicuriamo solo che espongano i prezzi”
    (26 ottobre 2010)
  • “Campagna amica”, l’altra faccia del chilometro zero -
    Intervista ad Alfredo Mulè, presidente della Coldiretti siciliana. “Con noi cadenze settimanali e il 30% in meno”
    (26 ottobre 2010)


comments powered by Disqus
Alfredo Mul, presidente della Coldiretti siciliana
Alfredo Mul, presidente della Coldiretti siciliana