Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Discreto debutto dei nuovi corsinell’offerta degli atenei siciliani
di Vanessa Paradiso

Dopo l’avvio della riforma del 2004, è l’ora della razionalizzazione per ragioni economiche e di prospettiva. Nel numero sono ancora pochi, Messina e Catania sono in prima fila

Tags: Università, Messina, Catania



CATANIA - Per l’anno accademico in corso, l’Università di Messina ha previsto la razionalizzazione dei percorsi formativi esistenti e l’istituzione di nuovi corsi di laurea, trasformati ai sensi del D.M. 270/04. Via libera quindi al corso alla facoltà di Economia. Novità anche per Ingegneria, con quattro nuovi corsi (ingegneria civile, ingegneria dei sistemi edilizi, ingegneria elettronica, scienza e ingegneria dei materiali), mentre la facoltà di Farmacia ha attivato il corso in Scienze e tecnologie farmaceutiche. “L’offerta formativa dell’a.a. 2010-2011 è stata elaborata -come ha dichiarato il Rettore, prof. Tomasello Francesco- per consentire ai laureati un più rapido inserimento nel mondo del lavoro. In questo senso la riduzione dell’offerta è funzionale a una maggiore ottimizzazione delle risorse. Stiamo avviando un’intensa collaborazione istituzionale che riguarda gli atenei di Messina e Reggio Calabria”.

All’Università di Catania, si contano ben 12 facoltà, con lauree triennali e lauree magistrali. La novità per quest’anno è rappresentata da un corso di laurea magistrale, interamente tenuto in inglese, anche nella facoltà di Ingegneria. Si tratta del corso biennale (ex laurea specialistica) in Ingegneria dell’Automazione e del controllo dei sistemi complessi. “E’ l’unico corso magistrale su questi argomenti ad essere svolto in inglese in Italia- dice il preside Luigi Fortuna- e, aggiungendosi ai numerosi corsi di dottorato internazionale già presenti, rappresenta un passo in avanti sulla strada dell’internazionalizzazione, che costituisce uno degli obiettivi primari dell’Ateneo e della nostra facoltà”. I vantaggi di questa iniziativa, secondo il preside, consistono nella possibilità di attrarre studenti da altre nazioni europee e da Paesi del bacino del Mediterraneo. Ma non solo: il corso di lingua inglese consentirà ai numerosi studenti Erasmus che frequentano annualmente a Catania una completa comprensione delle lezioni. “E costituirà un training importante per gli studenti locali, che –aggiunge Fortuna- potranno cimentarsi nel comprendere, comunicare, sostenere le prove in lingua inglese, pronti ad affrontare il mondo del lavoro in un contesto globale, dove la conoscenza e le abilità linguistiche rendono competitivi i percorsi formativi”. Un percorso di studio con l’acquisizione del doppio titolo (italo-francese) è infine previsto da quest’anno per tutte le classi in Ingegneria dell’Informazione attivate presso la facoltà d’Ingegneria dell’Ateneo.

Nessuna sostanziale novità per i corsi tenuti all’Università di Palermo, nella quale, da quest’anno è stata introdotta la laurea part-time per permettere agli studenti di spalmare il proprio corso di studi su più anni, a seconda delle proprie esigenze e di conseguenza di rateizzare anche le tasse.

Infine, all’Università Kore di Enna, è stato confermato anche per quest’anno l’innovativo corso di laurea in Sociologia e Politiche sociali, un corso interclasse che offre una formazione interdisciplinare e che pone particolare attenzione alla conoscenza dei fenomeni sociali e dello sviluppo di competenze, orientate all’intervento professionale nei sistemi di welfare e si contano quasi 1.200 iscritti al nuovo corso di laurea in Scienze motorie e del Benessere.



Orientamento universitario per maturandi a Catania
 
CATANIA - I 794 studenti delle ultime classi della scuola secondaria di secondo grado dell’anno scolastico 2009/10 (400 maschi e 394 femmine) a seguito della somministrazione di un questionario hanno espresso il loro interesse verso cui orientarsi negli studi universitari, e il dato emerso conferma la predisposizione generale secondo cui le ragazze risultano essere più interessate alle aree umanistiche, mentre i ragazzi verso quelle scientifiche e tecniche.
In controtendenza rispetto al passato e' la predisposizione dei maschi verso l’insegnamento rispetto alle ragazze. I dati raccolti nella pubblicazione “Progetto di orientamento scolastico, universitario e professionale” sono stati presentati nella sede del Centro direzionale Nuovaluce sede dell’Amministrazione provinciale, promosso dal Centro Orientamento e Formazione con la collaborazione di Provincia regionale di Catania, Università degli studi di Catania e il Ministero della Pubblica istruzione-Ufficio scolastico provinciale. Il progetto al quale ha aderito la Giunta provinciale e concretizzato dall’assessore alle Politiche del Lavoro e Formazione, Francesco Ciancitto, ha coinvolto le scuole superiori dei Comuni di Catania, Acireale, Bronte, Giarre, Caltagirone e Paternò.

Articolo pubblicato il 28 ottobre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus