Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

I rilievi della Ragioneria e la replica dellÂ’assessore
di Michele Giuliano

Avanzati dubbi sul fatto che il Prof non garantisca i livelli occupazionali. “Ritenuti ammissibili solo gli enti di formazione storici”

Tags: Carmelo Incardona



“La Ragioneria generale non ha bloccato un bel niente”: l’assessore Carmelo Incardona chiarisce a chiare lettere che nessuno ha sconfessato il suo operato al contrario da quanto riportato da diversi giornali. E si appella alla conoscenza della lingua italiana: “Io non so il perché – dice sconsolato – in Sicilia le cose chiare diventano tutt’altro. In realtà si tratta di un piano provvisorio e quindi non ci sono degli impegni di spesa concreti. La stessa parola (provvisorio, ndr) poi dice che tutto è ancora in discussione. Motivo per cui la Ragioneria generale non può bocciare un atto che non ha di fatto intaccato alcunché del bilancio”.

Il ragionamento di Incardona verte sul fatto che ancora l’Ars deve approvare il bilancio: “Sarà l’aula – dice – a stabilire definitivamente quanti soldi saranno inseriti nel relativo capitolo della formazione professionale. Potranno essere di più degli attuali 195 milioni, o anche di meno. Non lo so. A quel punto dirameremo la graduatoria definitiva in base per l’appunto agli effettivi soldi di cui disponiamo”.

Ma allora come la mettiamo con quegli enti che sono inseriti nella graduatoria provvisoria e che, nelle more di avere una risposta definitiva per il relativo finanziamento con il decreto definitivo, potrebbero da subito godere dei primi tre mesi di stipendio per i loro dipendenti? “La legge parla chiaro – ribatte Incardona -. Al momento vige un decreto fatto dal mio predecessore (il D.A. 10 di Santi Formica, ndr) che dà la possibilità agli enti inseriti nella graduatoria provvisoria di godere dei finanziamenti e di pagare gli stipendi dietro propria responsabilità.
“Significa che se non dovessero rientrare nel decreto definitivo dovrebbero restituire tutto”.

Articolo pubblicato il 26 marzo 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Formazione bluff e fuori mercato - Prof 2009. Firmato il decreto fioccano le polemiche.
    La Ragioneria generale della Regione ha avanzato dei dubbi circa la possibilità che il Prof possa sforare i 194 milioni stanziati in bilancio e che non vengano rispettati i livelli occupazionali degli enti “storici”.
    Progetti. Tra quelli che non hanno superato la soglia dei 600 punti diversi corsi di formazione per tecnici delle energie rinnovabili e altri rivolti alla preparazione di idraulici, elettricisti e informatici. (26 marzo 2009)
  • I numeri. 564 i progetti ritenuti ammissibili per 2.298.983 ore - (26 marzo 2009)
  • I rilievi della Ragioneria e la replica dellÂ’assessore - Avanzati dubbi sul fatto che il Prof non garantisca i livelli occupazionali. “Ritenuti ammissibili solo gli enti di formazione storici” (26 marzo 2009)
  • Formazione professionale un passato da dimenticare - Difficile scardinare la mentalità ed il clientelismo consolidato. Nel settore gravitano migliaia di precari mantenuti dal Fse (26 marzo 2009)


comments powered by Disqus
L'assessore Carmelo Incardona
L'assessore Carmelo Incardona