Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Finanziaria: 10 articoli stralciati da Cascio
Alcuni di questi sono contenuti in ddl già all’Ars. “Perchè le riforme si fanno con leggi ad hoc”

Tags: Finanziaria, Francesco Cascio, Ars



PALERMO - Alcune norme della Finanziaria presentata dal Governo Lombardo sono state stralciate dal presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Francesco Cascio.
Secondo quanto si legge in una nota, il Presidente dell’Ars “alla luce di un’attenta valutazione degli articoli del disegno di legge numero 631 ‘Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2011’, rispetto al testo presentato dal Governo, e ai sensi dell’articolo 73 ter, comma 2 del regolamento interno, ha stralciato le seguenti norme: articolo 4 ‘Conclusione del procedimento amministrativo’; articolo 5 ‘Digitalizzazione della Pubblica amministrazione regionale’; articolo 6 ‘Conferenza di servizi’; articolo 7 ‘Segnalazione certificata di inizio attività-SCIA’; articolo 26 ‘Soppressione di enti regionali’; articolo 32 ‘Riordino del sistema della formazione professionale’; articolo 34 ‘Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive’; articolo 35 ‘Trasformazione degli Istituti autonomi case popolari’; articolo 38 ‘Riduzione e flessibilità degli stanziamenti di Bilancio, limitatamente ai commi 3 e 4’; articolo 44 ‘Principi di riordino delle societa’ partecipate dalla Regione’.
 
In particolare, per quanto riguarda gli articoli 4-5-6-7 inerenti la semplificazione amministrativa e l’articolo 34 riguardante, invece, la riforma delle Asi, lo stralcio è motivato dalla circostanza che, sul punto, esistono già due norme di iniziativa governativa, il cui iter è, allo stato, piuttosto avanzato e, pertanto, saranno pronte per l’Aula a gennaio, quindi, non ha senso proporle in finanziaria, come, peraltro, appare più ragionevole anche a garanzia del lavoro delle commissioni di merito, che va salvaguardato. Gli articoli 26-32-35 sono appunto di settore e perciò stralciate in virtù di questa ragione”.

Cascio, ha spiegato di avere “stralciato queste norme principalmente per il fatto che le riforme di settore si fanno con leggi dell’Assemblea e non con emendamenti in finanziaria”.
L’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao, si è limitato a dire di “Prenderne atto”.

Articolo pubblicato il 13 novembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐