Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Pagare entro 5 giorni se arriva l’avviso
di Lucia Russo

Quando arrivano le intimazioni di pagamento da Serit Sicilia spa: risponde il direttore generale Antonio Finanze. Chi vuole spiegazioni sugli addebiti, deve rivolgersi direttamente all’ente creditore

Tags: Serit Sicilia, Agenzia Delle Entrate, Riscossione Sicilia, Antonio Finanze



Palermo – “Ho ricevuto due intimazioni di pagamento (5 giorni per pagare) per 2 cartelle esattoriali mai ricevute. Sull’intimazione vi sono riportati i numeri identificativi delle 2 cartelle e nessun dato per risalire alla multa/tributo a cui si riferisce. quindi non so neanche a quale Ente Creditore rivolgermi”. Questa difficoltà del contribuente è stata denunciata al “Quotidiano di Sicilia” da diversi lettori, i quali anche sottolineano che sull’intimazione di pagamento è scritto che chi vuole spiegazioni sugli addebiti deve rivolgersi direttamente all’ente creditore. Ma come fare se non si sa qual è, non si rischia di ingolfare il numero verde della Serit Sicilia? I contenuti dell’avviso di intimazione sono però fissati – ci ha spiegato il direttore di Serit Sicilia Antonio Finanze – nel modello ministeriale e sono solo: le generalità del destinatario dell’atto; il riferimento alla cartella di pagamento; l’importo. Viene indicato della cartella di pagamento notificata e scaduta solo il numero di codice e si rinvia a questa per ulteriori informazioni, inclusa l’indicazione dell’Ente creditore. Contro l’avviso di intimazione, però, è possibile presentare ricorso all’Autorità giudiziaria competente (Commissione tributaria provinciale, Giudice di Pace o Tribunale, a seconda della tipologia del credito), analogamente a quanto previsto per le cartelle di pagamento.
Insomma se la cartella o parte di essa non  fossero nella disponibilità del cittadino è meglio rivolgersi agli uffici Serit.

Rispetto al caso in cui il contribuente abbia già pagato, è scritto: “Presenti subito la ricevuta nei nostri uffici”, cosa significa? Si deve recare di persona? Non è possibile trasmetterne copia telematicamente oppure per fax e avere conferma?
“L’intimazione – ha risposto Finanze - precede l’avvio dell’attività esecutiva di soli 5 giorni. Pertanto, nel caso in cui il cittadino abbia pagato è preferibile presentare al più presto  la ricevuta di pagamento a saldo, o altro provvedimento atto ad interrompere la procedura di riscossione coattiva, presso gli sportelli ubicati nella provincia di riferimento. Da maggio si può chiedere direttamente a Serit Sicilia la sospensione della riscossione quando il contribuente ha già pagato le somme indicate in cartella prima della formazione del ruolo, la commissione tributaria ha accolto il ricorso oppure si è ottenuto lo sgravio o la sospensione amministrativa o giudiziale. Basta consegnare allo sportello il modello di autodichiarazione reperibile allo sportello stesso, debitamente compilato, allegando i provvedimenti ottenuti dall’ente o dall’autorità giudiziaria oppure le ricevute di pagamento. La riscossione viene immediatamente sospesa da Serit Sicilia in attesa di una conferma da parte dell’Ente creditore.
Il cittadino che non possa  recarsi al front office, potrà, comunque, inviare la documentazione allo sportello Serit Sicilia del capoluogo di Provincia territorialmente competente, il cui indirizzo è indicato nell’intimazione. Ricordiamo infine due ulteriori canali di contatto con Serit Sicilia: telefonico, chiamando i numeri verdi oppure i numeri telefonici indicati nel nostro sito internet, postale, inviando la documentazione all’indirizzo della sede provinciale territorialmente competente. Inoltre, la registrazione al sito consente, nel pieno rispetto della riservatezza del cittadino, di dialogare on line con gli addetti Serit  Sicilia e di inviare eventuale documentazione (quietanze, sgravi, sospensioni, sentenze di annullamento totale o parziale, ecc….)”.

Sulla home page di Serit Sicilia spa non abbiamo trovato l’indirizzo di posta elettronica certificata, qual è e perché non è evidente in home page?
“In atto, la casella di posta elettronica certificata aziendale è in corso di attivazione. Come accennato nella precedente risposta, l’accesso ai servizi on line di Serit Sicilia avviene già oggi nel pieno rispetto del diritto alla riservatezza. I cittadini che intendano inviare richieste di informazioni o documenti relativi alla propria posizione debitoria possono utilizzare una delle nove caselle di posta elettronica dedicata attive (una ciascuna per provincia territorialmente competente). L’accesso alla posta elettronica è subordinato alla registrazione al sito di Serit Sicilia, www.seritsicilia.it. Infatti, per garantire la privacy del contribuente, gli operatori dialogano solo con soggetti la cui identità sia certa.
 


Email solo dopo registrazione sul sito e caselle per i professionisti
 
Anche se il sistema di posta elettronica certificata non è ancora attivo, alla Serit la spedizione di email è soggetta a un attento controllo. Infatti è subordinato alla registrazione al sito di Serit Sicilia.
Per registrarsi occorre inviare per posta una fotocopia del proprio documento d’identità in corso di validità e l’apposito modulo sottoscritto con firma autografa leggibile. Alla ricezione di tale documentazione, entro 15 giorni lavorativi, segue rilascio di password e pin da parte dell’Agente della riscossione.
Analoga procedura è prevista per l’accesso online all’estratto conto delle tasse, ossia all’elenco aggiornato dei debiti saldati e residui, servizio che Serit Sicilia ha attivato, prima tra le società di riscossione italiane, già nel 2006. Un ulteriore canale privilegiato è costituito dalle caselle di posta elettronica Serit Sicilia dedicate a dottori commercialisti ed esperti contabili, attive nella maggior parte della province siciliane.

Articolo pubblicato il 25 novembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Antonio Finanze, direttore di Serit Sicilia
Antonio Finanze, direttore di Serit Sicilia