Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Mancano le discariche per i rifiuti speciali
di Rosario Battiato

Scilipoti (Idv): “Numerosi capannoni in eternit si stanno sgretolando”. Le più vicine in Calabria, così si preferisce il “fai da te”



PALERMO – La gestione del problema amianto passa anche dalla questione discariche. Essendo completamente assenti sul territorio regionale, come ha più volte denunciato Legambiente, il trasporto in Calabria fa lievitare ulteriormente i costi dello smaltimento e soprattutto innesca il pericoloso meccanismo della discarica fai-da-te.
Già lo scorso novembre Domenico Scilipoti, deputato dell’Italia dei Valori, aveva lanciato il primo allarme sul territorio isolano. “In Sicilia sono state sequestrate numerose discariche di rifiuti speciali tra cui l’amianto”.

In molti sperano di risparmiare smontando e scaricando il pericoloso materiale in discariche improvvisate. “Sono numerosi – ha lamentato il deputato dipietrista - i capannoni industriali con strutture in amianto che si stanno sgretolando. Come è stato rilevato da studi, l’amianto in sé non è pericoloso, ma la sua polvere sì”.
Il costo dello smaltimento non può ricadere solo sui cittadini, spiegano le associazioni ambientaliste, perché a volte diventa una spesa insostenibile. Spesso l’assenza di informazione sui rischi crea quindi problemi ancora maggiori soprattutto data l’assenza di contributi locali o regionali che favoriscano lo smaltimento.

“La Regione Sicilia ha avuto dalla Comunità Europea 130 milioni di euro per avviare il Piano regionale rifiuti – ha spiegato Enzo Parisi, Legambiente Sicilia – e visto che una parte consistente di questi soldi, destinati alla promozione della raccolta differenziata, non sono stati spesi, ci chiediamo perché non si avviino opere di impiantistica per fronteggiare questa emergenza”. Anche alcune imprese pensano di superare i costi dell’aggiornamento degli edifici. “Gli industriali meno coscienti – ha aggiunto Parisi – scaricano lungo terreni e gli argini dei fiumi”.

Articolo pubblicato il 18 giugno 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Amianto, 70 morti lÂ’anno e 36 mila richieste dÂ’indennizzo allÂ’Inail - Amianto. Fino al 1992 nella Sicilia in uso presso 780 aziende.
    I numeri. Secondo le ultime statistiche 70 siciliani muoiono in media ogni anno per le conseguenze dell’uso e l’esposizione all’amianto. Sono 36 mila le richieste di risarcimento depositate all’Inail.
    La situazione. Dal 1998 al 2006 i registri sanitari hanno iscritto 644 casi di mesoteliomi. Si muore anche per carcinoma polmonare e l’asbestosi. Le cifre sono parziali perché l’incubazione delle patologie è lunga. (18 giugno 2009)
  • Il caso. Fluoroedenite, Biancavilla attende la bonifica completa - (18 giugno 2009)
  • A Catania la possibilità di smaltire risparmiando - Ancora valida l’intesa Comune-Ausl3-Confindustria-Confartigianato. Undici ditte eseguono la rimozione a prezzi calmierati (18 giugno 2009)
  • Mancano le discariche per i rifiuti speciali - Scilipoti (Idv): “Numerosi capannoni in eternit si stanno sgretolando”. Le più vicine in Calabria, così si preferisce il “fai da te” (18 giugno 2009)


comments powered by Disqus
Domenico Scilipoti, deputato dell’Italia dei Valori
Domenico Scilipoti, deputato dell’Italia dei Valori