Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Per il recupero degli edifici nei centri storici la Regione mette a disposizione 12,5 mln €
Finalmente pubblicato ieri sulla Gurs il bando più volte annunciato e poi bloccato “per vizi di forma”. L’aiuto consisterà nel pagamento degli interessi dei mutui erogati dagli istituti convenzionati

Tags: Centro Storico, Pier Carmelo Russo



PALERMO - È stato pubblicato ieri sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana l’avviso per la realizzazione di interventi di recupero degli edifici dei centri storici. Più volte annunciato, il bando era stato bloccato - in un altalenarsi di smentite e conferme- dall’assessore regionale alle Infrastrutture e mobilità, Pier Carmelo Russo, per vizi di forma.

La Regione mette a disposizione 12, 5 milioni di euro di fondi propri, che saranno erogati secondo determinate linee.
Trecento mila euro è l’importo massimo degli interventi per i quali l’amministrazione concederà il contributo. L’aiuto consisterà nel pagamento degli interessi dei mutui erogati direttamente dagli istituti di credito convenzionati.

Gli interventi riguardano gli edifici residenziali situati nei centri storici, in zone omogenee “A” o comunque classificati ‘netto storico’. L’aiuto consisterà nel pagamento degli interessi dei mutui erogati direttamente dagli istituti di credito convenzionati. Le agevolazioni sono conseguibili attraverso la stipula di convenzioni fra la Regione siciliana e gli istituti di credito per la concessione di mutui con ammortamento ventennale: il pagamento degli interessi è a carico dell’amministrazione regionale. Il sostegno economico previsto dall’avviso, a firma di Vincenzo Falgares, dirigente generale del Dipartimento alle Infrastrutture, è cumulabile con ulteriori agevolazioni fiscali a qualsiasi titolo.

Le opere finanziabili sono diverse e con varie modalità: restauro o risanamento conservativo, ripristino funzionale, manutenzione straordinaria e adeguamento alle norme vigenti ed alle disposizioni antisismiche. In ogni caso il contributo per ciascun intervento verrà contenuto entro i duemila euro al metro quadro, come previsto dall’art. 33 della legge 6/2009.
L’istanza, accompagnata dalla dichiarazione di un tecnico qualificato abilitato, dovrà essere presentata dopo 120 giorni dalla pubblicazione del bando e indirizzata attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno all’assessorato regionale Infrastrutture e mobilità, dipartimento infrastrutture- servizio 6 insediamenti abitativi-contributi di Palermo.

Articolo pubblicato il 04 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus