Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Piano regionale dei rifiuti. Marino apre al ministero
di Rosario Battiato

Fiducioso l’assessore ai Pubblici servizi: la nuova disciplina entro l’anno. “Roma designi propri rappresentanti nella commissione”

Tags: Rifiuti, Giosuè Marino



PALERMO - La Regione ostenta tranquillità. Dopo il rinvio operato dai tecnici della Protezione civile del piano di aggiornamento dei rifiuti del 2002 la commissione dei cinque superesperti è di nuovo al lavoro con l’obiettivo di superare le perplessità manifestate a Roma e di giungere ad un’intesa col ministero dell’Ambiente entro dicembre. I punti su cui si sta lavorando sono quelli che hanno tenuto in scacco l’Isola negli ultimi undici anni: impiantistica, valorizzazione del rifiuto, tempistica, costi, localizzazione.

Il neo assessore con delega ai rifiuti, Giosuè Marino, dai microfoni del tgweb della Regione siciliana, si è detto disposto anche ad includere esperti ministeriali nell’iter di realizzazione del nuovo piano così da accelerare i tempi per la consegna dell’aggiornamento e dare il via al sistema che promette di superare l’emergenza nel breve periodo e di creare un sistema virtuoso nel medio e lungo periodo.

“Ho chiesto al ministero – ha spiegato Marino - di designare propri rappresentanti in seno a questa commissione, allo scopo di giungere ad un progetto che sia condiviso sotto tutti gli aspetti”.
Al momento i problemi principali, secondo l’assessore, sono di natura finanziaria piuttosto che strutturale. Tuttavia permangono le difficoltà di impiantistica che non saranno facilmente risolte, perché bisognerà agire contemporaneamente sulle discariche e sulla costruzione di nuovi impianti prevedendo a monte l’aumento della differenziata. Il problema della liquidità dovrebbe essere risolto di concerto con amministratori locali e tecnici dell’Ato per utilizzare al meglio gli strumenti offerti dalla normativa regionale.

Articolo pubblicato il 07 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Rifiuti, chi lucra sullÂ’emergenza -
    Rifiuti. La pesante eredità di commissariamenti.
    La fase. È atteso nelle prossime settimane il testo del nuovo Piano regionale per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti, tassello fondamentale assegnato al commissario delegato per l’emergenza.
    Il periodo. La prima stesura del testo è stata bocciata. Sui rifiuti, la Sicilia è in situazione di emergenza dal 1999. Un sistema che ha arricchito società e consentito l’aggiramento delle leggi.
    (07 dicembre 2010)
  • Piano regionale dei rifiuti. Marino apre al ministero -
    Fiducioso l’assessore ai Pubblici servizi: la nuova disciplina entro l’anno. “Roma designi propri rappresentanti nella commissione”
    (07 dicembre 2010)
  • Raccolta e conferimento un binomio pericoloso -
    La commissione d’inchiesta parlamentare punta il dito sul conflitto d’interessi. Ghiotto il giro d’affari per le discariche: 2,5 mld di € l’anno
    (07 dicembre 2010)


comments powered by Disqus