Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Centro storico fuori controllo, ormai è il regno degli abusivi
di Antonio Borzì

Anche in questo caso pesa l’assenza di una massiccia azione di contrasto da parte dei vigili. Nelle ore notturne i posteggiatori irregolari colonizzano il cuore della città

Tags: Catania, Centro Storico, Pub, Franz Cannizzo, Ztl



CATANIA - Il centro storico, durante le ore notturne, si trasforma da Ztl ad autentica zona franca per gli abusivi e gli sbandati di turno. A sottolinearlo, come fanno da tempo, sono i residenti e i gestori dei locali, che lamentano una quasi totale mancanza di controllo.

Il luogo principe della movida catanese, che tanta invidia suscita nelle altre città, ha una serie di problemi cronici che le amministrazioni locali sembrano incapaci di risolvere. Basta fare un giro nelle ore notturne nel centro storico, in quell’ampia fetta della città che si estende da piazza Carlo Alberto al Duomo, per notare come le irregolarità siano evidenti e di come, altrettanto evidente, sia la totale assenza dei vigili urbani in una zona in cui i controlli dovrebbero essere costanti. A saltare subito all’occhio è la vera e propria invasione dei parcheggiatori abusivi. Ed è  evidente come, seppur con molte lacune, durante le ore diurne qualche vigile urbano compare per contrastare i posteggiatori irregolari, mentre durante quelle notturne non si vede nessuno e l’illegalità regna incontrastata.

Gli irregolari continuano a operare in una zona cittadina che “affittano” durante la notte. E ovviamente il tutto si traduce in un guadagno per la malavita e in un rischio per quei cittadini che non vogliono favorire, pagando, questa dannosa usanza.
Una circostanza recentemente denunciata da proprietari dei locali del centro storico e residenti all’assessore al Commercio, Franz Cannizzo, nel corso di una riunione speciale della I municipalità. Si è parlato di un’estensione delle strisce blu fino alle due di notte. Ma non basterebbe semplicemente garantire una presenza dei vigili costante?

È necessaria – ed è quello che è stato chiesto all’assessore Cannizzo - una visione meno miope da parte dell’amministrazione, chiamata a investire di più sulla sicurezza e a usufruire con maggiore decisione della Polizia municipale. Per contrastare, e non solo verificare a cose fatte, le irregolarità notturne a Catania.

Articolo pubblicato il 10 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus