Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

“Organico sottodimensionato da 4 mesi non va in ferie”
di Rosario Battiato

Il responsabile aziendale di Uil trasporti respinge le accuse ai dipendenti. Aricò: i commissari hanno rimandato le messe in sicurezza

Tags: Autostrade, Cas, Anas, Raffaele Lombardo, Enzo Aricò



CATANIA - Enzo Aricò è responsabile sindacale aziendale della UilTrasporti. La sua testimonianza ci aggiorna sullo stato dell’arte del Consorzio per le autostrade siciliane.
Incontro romano con l’Anas. Quale futuro per i dipendenti del Consorzio?
“L’Anas si è incontrata con i sindacati nazionale e ha ribadito che non esiste alcun problema sul fronte dipendenti”.

Ma voi siete comunque preoccupati…
“Attualmente, a dispetto di quanto si possa dire, abbiamo un organico sottodimensionato, al punto che da quattro mesi il personale non va in ferie. Non abbiamo più possibilità di prendere stagionali perché sono già stati utilizzati, e questo a causa di una organizzazione del lavoro non esattamente funzionale”.

Sui premi ai dirigenti nonostante l’ente al tracollo?
“I dipendenti non c’entrano nulla in questo caso. Ci sono delle indagini in corso in merito alla questione, mentre noi – dopo un parere del Cga - adesso rischiamo di passare da un contratto nazionale ad uno regionale come ente pubblico non economico”.

Come giudica la revoca della concessione? Politica o necessaria?
“Da almeno due anni l’Anas chiedeva al Cas di mettere in sicurezza le autostrade, ma i commissariamenti hanno sempre fatto rimandare queste azioni. Adesso il nuovo commissario aveva dato il via ad una serie di provvedimenti, ma poi è giunta la revoca dell’Anas”.

Raffaele Lombardo ha in mente la privatizzazione del Consorzio  dopo averlo rimesso in sesto, cioè la vendita di una quota di minoranza ad un gestore privato con “gara di respiro europeo”. Proposta fattibile?
“Credo che l’ente sia in grado di proseguire nella sua esistenza anche nella maniera in cui era stato concepito. Il problema è dirigenziale, perché a quel livello si è causato il dissesto dell’ente in questi anni”.

Articolo pubblicato il 14 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Autostrade, la guerra del Cas -
    Autostrade. La gestione pubblica di Ct-Me, Pa-Me, Sr-Gela.
    Il provvedimento. Dopo 1073 ispezioni eseguite e 390 infrazioni rilevate, l’Anas ha revocato la concessione al Consorzio autostrade siciliane. Gli incassi dei pedaggi della Ct-Me e Pa-Me vanno a Roma.
    Il tonfo. In 9 anni di gestione il Cas ha accumulato una serie impressionante di record negativi: spese stratosferiche, mancati guadagni, opere di manutenzione mai partite o portate a compimento.
    (14 dicembre 2010)
  • “Organico sottodimensionato da 4 mesi non va in ferie” -
    Il responsabile aziendale di Uil trasporti respinge le accuse ai dipendenti. Aricò: i commissari hanno rimandato le messe in sicurezza
    (14 dicembre 2010)
  • I 390 rilievi mai sanati, l’Anas ha presentato i conti -
    La revoca della concessione già proposta nel 2008, Cas sordo ai solleciti. Vanno cercate le responsabilità dei vari vertici del Consorzio
    (14 dicembre 2010)


comments powered by Disqus