Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

“Problemi di erogazione” per una famiglia su quattro
di Rosario Battiato

Ad Agrigento un pessimo servizio, ma l’acqua più cara d’Italia. Persa per strada più della metà del liquido immesso in rete

Tags: Acqua, Rete Idrica, Ato



PALERMO – In generale non è proprio un bel periodo per l’acqua d‘Italia. Secondo l’ultimo rapporto Censis, pubblicato lo scorso ottobre, i problemi non sono solo infrastrutturali – sono ben noti in tal senso quelli siciliani – ma anche normativi. “Da un lato abbiamo un decreto convertito in legge nel novembre dell’anno scorso con il ricorso alla fiducia, - si legge nel dossier - dall’altro una repentina e massiccia raccolta di firme per un referendum abrogativo. Altrettanto prontamente, essendo la materia oggetto di competenze concorrenti, si sono mosse alcune Regioni inoltrando un ricorso alla Consulta per vizi di costituzionalità”.
 
Il problema, secondo il Censis, è essenzialmente “ideologico” per entrambe le fazioni, in quanto partono da posizioni estreme e inconciliabili. La Sicilia, da questo punto di vista, ha dimostrato come pubblico e privato abbiano viaggiato su posizioni simili e che urge un intervento strutturale di ampio respiro. Un esempio su tutti: ad Agrigento esiste un servizio ereditato tra i peggiori d’Italia, gestito da Girgenti Acque, a fronte di una spesa per famiglie pari a 400 euro, la più alta d’Italia nel 2008. Ma in generale è un sistema allo sbando. Questi sono i risultati dello studio: 27,9% delle famiglie isolane denunciano irregolarità nell’erogazione idrica nel 2009, 55% di perdita di rete (acqua immessa su acqua erogata), 55% di perdita totale (acqua prelevata su acqua erogata). Intanto i costi del servizio salgono. Uno studio Dexia, su elaborazione dati del Ministero dello Sviluppo Economico, ha certificato una spesa annua per 200 mc di acqua a Palermo (236), Catania (231) e Messina (233), che continua a salire verso la quota delle carissime città settentrionali.

Articolo pubblicato il 18 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Acqua, inefficienti anche i privati -
    L’oro blu. La gestione idrica nell’Isola non decolla.
    La relazione. La spesa dei fondi Ue per alcuni impianti idrici in Sicilia non è stata efficiente: in generale si è speso troppo e male. E' quanto dice la Corte dei Conti Ue sulle infrastrutture per l'approvigionamento.
    Lo stato. L’avvento dei privati nella gestione non ha dato finora i risultati sperati. Molta acqua viene persa o non è neanche prelevata, la situazione è migliorata solo in pochi casi, servono ingenti investimenti.
    (18 dicembre 2010)
  • Da Palermo a Siracusa incetta dei privati nelle spa -
    La mappa di multi utility ed operatori italiani ed esteri presenti nelle società. A Catania chiesta l’uscita della Provincia dalla Sie
    (18 dicembre 2010)
  • “Problemi di erogazione” per una famiglia su quattro -
    Ad Agrigento un pessimo servizio, ma l’acqua più cara d’Italia. Persa per strada più della metà del liquido immesso in rete
    (18 dicembre 2010)


comments powered by Disqus