Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Il triste record di Palermo, la città che ha fatto 3.000
di Antonio Borzì

L’assessore provinciale Tomasino: “Mancano adeguate risorse”. La situazione del capoluogo appare a tratti drammatica

Tags: Incidenti Stradali, Sicurezza, Viabilità, Palermo, Gigi Tomasino



PALERMO - A guidare la classifica delle province siciliane con il maggior numero di incidenti vi è Palermo con oltre 3.000 casi indicati dall’Aci. Una provincia dove la grande convergenza di traffico verso il centro cittadino appare a tratti drammatica: sul territorio si alternano due attori principali nella manutenzione stradale e nella gestione di tutti quei lavori ordinari e straordinari fondamentali per consentire ai cittadini di non correre inutili pericoli. Lo sottolinea anche l’assessore provinciale alla Viabilità, Gigi Tomasino, che sottolinea anche una disparità di risorse.

“La provincia di Palermo - dichiara Tomasino - ha 2.200 km di strade. All’interno del territorio ci sono due gestori. Infatti oltre alla Provincia c’è anche l’Anas. Il  rapporto fra i due enti è di 1 a 3 con l’Anas che gestisce soprattutto la grande viabilità con una quantità di denaro ben maggiore rispetto alla nostra”. Non nasconde quali siano i problemi, Tomasino: “La Regione con la legge 9 trasferisce la competenza agli enti locali ma a questo non corrispondono delle adeguate risorse”.
Certo, però, i lavori non si bloccano a Palermo con oltre 100 milioni di euro investiti nei diversi cantieri nevralgici per le vie di comunicazione. Delle risorse investite con fondi comunitari, fondi dallo Stato e soprattutto tanta razionalizzazione.

Ma non solo interventi sul territorio. Emerge come sia fondamentale una giusta educazione che deve partire necessariamente dalle scuole. Infatti per Tomasino “sono importanti due settori: quello della sicurezza delle infrastrutture e quello dell’educazione. Nel campo dell’educazione cerchiamo di far comprendere l’importanza di un giusto comportamento alla guida soprattutto ai più giovani con un coinvolgimento attivo. Per esempio abbiamo predisposto delle esercitazioni e abbiamo distribuito degli etilometri”.

Articolo pubblicato il 21 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Strade killer per colpa degli sprechi -
    Viabilità. Se un viaggio in auto può costare la vita.
    Pessime condizioni. Pesa il mancato adeguamento delle arterie isolane agli standard europei e nazionali. L’obiettivo è quello di diminuire del 50 per cento gli incidenti entro dieci anni.
    Educazione. Oltre che spendere in infrastrutture servirebbero iniziative per sensibilizzare giovani e automobilisti alla prudenza e al rispetto delle regole del Codice della strada
    (21 dicembre 2010)
  • Il triste record di Palermo, la città che ha fatto 3.000 -
    L’assessore provinciale Tomasino: “Mancano adeguate risorse”. La situazione del capoluogo appare a tratti drammatica
    (21 dicembre 2010)
  • Messina, il centro “invaso”. A Catania stanno studiando -
    Sulla città peloritana pesa il traffico “di attraversamento” dello Stretto. Nel capoluogo etneo indagine dei vigili sui nodi critici
    (21 dicembre 2010)


comments powered by Disqus