Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Messina, il centro “invaso”. A Catania stanno studiando
di Antonio Borzì

Sulla città peloritana pesa il traffico “di attraversamento” dello Stretto. Nel capoluogo etneo indagine dei vigili sui nodi critici

Tags: Incidenti Stradali, Sicurezza, Viabilità, Catania, Messina, Carmelo Capone, Alberto Pasqua, Ottavio Vaccaro



 CATANIA - Per Catania e Messina è tempo di cambiamenti. Emerge infatti la necessità di apportare sostanziali modifiche all’impianto urbano delle città che soffrono una mole di traffico eccessivo che di conseguenza causa anche un elevato numero di incidenti.

Per Messina la situazione è aggravata, perché la città rappresenta il punto di passaggio fondamentale e obbligato per muoversi da e verso la penisola. Ne è consapevole l’assessore comunale al ramo Carmelo Capone che ha sottolineato la necessità “di diminuire il flusso di traffico in centro città. Una vera e propria emergenza che vede anche il sindaco delegato speciale per fronteggiarla”.

Le soluzioni potrebbero risiedere nella creazione di un polo ad hoc per il trasporto oltre lo stretto. “Stiamo cercando - continua l’assessore - di portare a compimento una serie di progetti organici, come il completamento del porto per 56 milioni di euro, che vedano in Tremestieri l’unico polo per i traghettatori”.
Per Messina però concorrono in modo drammatico alla scarsa manutenzione anche una carenza di fondi che costringe ai salti mortali la Giunta.

Pianificazione che viene considerata fondamentale anche dall’assessore etneo alla Viabilità, Alberto Pasqua che annuncia “come sia in atto presso i vigili urbani uno studio volto a far emergere i punti critici e le cause degli incidenti”. All’interno del Comune da tempo si parla della necessità di approvare un Piano urbano del traffico che preveda una corretta integrazione fra sistema viario per privati e mezzi pubblici. Il documento è stato presentato ma è ancora in fase embrionale.

Nella provincia etnea invece sono ben 20 milioni di euro i fondi stanziati quest’anno con altri 70 in partenza nel 2011. Fondi ottenuti, come sottolinea l’assessore provinciale alla Viabilità, Ottavio Vaccaro, ottenuti “grazie alla Banca europea per i finanziamenti” . “è fondamentale - continua Vaccaro - investire per rendere praticabili le strade catanesi e sensibilizzare la popolazione. Da questo punto di vista è in partenza un progetto da 1 milione di euro su una tematica delicata come quella delle minicar”.

Articolo pubblicato il 21 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Strade killer per colpa degli sprechi -
    Viabilità. Se un viaggio in auto può costare la vita.
    Pessime condizioni. Pesa il mancato adeguamento delle arterie isolane agli standard europei e nazionali. L’obiettivo è quello di diminuire del 50 per cento gli incidenti entro dieci anni.
    Educazione. Oltre che spendere in infrastrutture servirebbero iniziative per sensibilizzare giovani e automobilisti alla prudenza e al rispetto delle regole del Codice della strada
    (21 dicembre 2010)
  • Il triste record di Palermo, la città che ha fatto 3.000 -
    L’assessore provinciale Tomasino: “Mancano adeguate risorse”. La situazione del capoluogo appare a tratti drammatica
    (21 dicembre 2010)
  • Messina, il centro “invaso”. A Catania stanno studiando -
    Sulla città peloritana pesa il traffico “di attraversamento” dello Stretto. Nel capoluogo etneo indagine dei vigili sui nodi critici
    (21 dicembre 2010)


comments powered by Disqus