Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

A Catania dipartimenti ridotti e tagli alle sedi distaccate
di Liliana Rosano

Il rettore dell’UniCt Recca punta ad una razionalizzazione della spesa. Personale tecnico-amministrativo da stabilizzare

Tags: Università, Studenti, Precari, Mariastella Gelmini, Antonino Recca



CATANIA - Atenei pronti ad attuare la riforma Gelmini anche se con qualche riserva. Puntare sulla ricerca e sulla qualità e tagliare le spese inutili.
A parlare è il rettore dell’Università di Catania, Antonino Recca, il quale esprime il suo parere sulla riforma universitaria, cosi come è stata concepita.

“Non sembra - afferma Recca - che dalla riforma dell’Università, così come è articolata, possa scaturire la soluzione dei tanti problemi che travagliano il sistema universitario italiano. Si tratta, tuttavia, di un esperimento al quale è stato collegato il finanziamento dell’FFO (Fondo di finanziamento ordinario degli Atenei) con l’intento di cambiare radicalmente il nostro modo di intendere l’università, e conseguentemente realizzare un maggiore controllo nella ripartizione delle risorse, modificando la governance in senso più virtuoso e penalizzando con il commissariamento gli Atenei mal gestiti.

 Il nostro Ateneo – continua Recca- ha di fatto anticipato una serie di misure di contenimento della spesa. Tra le misure di contenimento della spesa vi sono: le modalità di allocazione delle risorse dirette alla realizzazione di obiettivi di miglioramento della qualità dell’attività didattica e dell’attività di ricerca; la riduzione dei dipartimenti; l’eliminazione delle sedi distaccate ad eccezione di quelle nelle quali si trovano insediate facoltà dell’Ateneo, e cioè Siracusa e Ragusa; la valutazione dell’Ateneo da parte di un nucleo di valutazione composto in prevalenza da esterni”.

Quanto alla questione del personale tecnico-amministrativo, Recca parla di stabilizzazione. “L’attenta gestione delle risorse finanziarie consente di stabilizzare i lavoratori a tempo determinato e, una volta conclusa, anche con l’intervento del Prefetto di Catania, la trattativa con la Regione Siciliana, i lavoratori dei progetti di utilità collettiva (Puc)”.

Articolo pubblicato il 24 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Atenei soffocati dagli amministrativi -
    Università. Tanti gli sprechi, poca attenzione agli studenti.
    Un esercito. L’esercito di amministrativi nei tre atenei siciliani è di 6.016 unità mentre quello dei docenti è di 6.038. Il rapporto ottimale per il buon funzionamento della stessa dovrebbe essere di 1 a 3.
    Sedi distaccate. Toni polemici, da parte del Ministero, riguardano le sedi decentrate: ne sono state attivate più di 320  nelle località più disparate, come Barcellona Pozzo di Gotto e Priolo Gargallo in Sicilia.
    (24 dicembre 2010)
  • A Catania dipartimenti ridotti e tagli alle sedi distaccate -
    Il rettore dell’UniCt Recca punta ad una razionalizzazione della spesa. Personale tecnico-amministrativo da stabilizzare
    (24 dicembre 2010)
  • “Prin” sinonimo di spreco serve una ricerca di qualità -
    Il Miur molto critico sui Progetti di rilevante interesse nazionale. 55.000 euro per la conservazione dell’asino dell’Amiata
    (24 dicembre 2010)


comments powered by Disqus