Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

“Prin” sinonimo di spreco serve una ricerca di qualità
di Liliana Rosano

Il Miur molto critico sui Progetti di rilevante interesse nazionale. 55.000 euro per la conservazione dell’asino dell’Amiata

Tags: Università, Studenti, Precari, Miur



Sui PRIN (Progetti di Rilevante Interesse Nazionale) il giudizio del Miur è critico e rileva la poca consistenza dei progetti finanziati. Nel comunicato vengono citati alcuni esempi di progetti di ricerca attivati come: approccio multidisciplinare alla conservazione dell’asino dell’Amiata (finanziamento assegnato, 55.000 euro); Individualità: tradizione filosofica, pensiero storico e saperi della vita. (finanziamento assegnato, 500.000 euro).

Vita quotidiana delle famiglie: osservazioni etnografiche e rappresentazioni (finanziamento assegnato, 55.000 euro).
Ricerca e sperimentazione di nuovi modelli e tecnologie informatiche per la formazione a distanza dell’architetto (finanziamento assegnato, 340.000 euro). Emozioni, benessere e qualità della vita (finanziato assegnato, 90.000 euro). Progetti che di certo non hanno contribuito a migliorare la qualità della ricerca italiana.

A Catania, sono stati 18 i progetti Prin finanziati negli ultimi due anni, mentre a Messina ne sono stati finanziati 49 per un contributo totale di euro 1.251.237, 00. A questa cifra è da aggiungersi il finanziamento dell’ateneo peloritano pari a 940 mila euro. Infine a Palermo, i progetti presentati dai ricercatori dell’Ateneo a valere sul bando Prin 2008 (Progetti di rilevante interesse nazionale) del Ministero dell’Università e della Ricerca portano a casa la fetta più consistente dei finanziamenti ottenuti dalle Università del centro-sud.
 
Nella classifica assoluta, l’Università si piazza al nono posto tra le Università italiane: su 986 progetti finanziati, 27 vedono come coordinatore nazionale un docente dell’Università di Palermo, con una percentuale del 2,74 per cento e un finanziamento totale da parte del Miur che ammonta a oltre due milioni e mezzo di euro.

Articolo pubblicato il 24 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Atenei soffocati dagli amministrativi -
    Università. Tanti gli sprechi, poca attenzione agli studenti.
    Un esercito. L’esercito di amministrativi nei tre atenei siciliani è di 6.016 unità mentre quello dei docenti è di 6.038. Il rapporto ottimale per il buon funzionamento della stessa dovrebbe essere di 1 a 3.
    Sedi distaccate. Toni polemici, da parte del Ministero, riguardano le sedi decentrate: ne sono state attivate più di 320  nelle località più disparate, come Barcellona Pozzo di Gotto e Priolo Gargallo in Sicilia.
    (24 dicembre 2010)
  • A Catania dipartimenti ridotti e tagli alle sedi distaccate -
    Il rettore dell’UniCt Recca punta ad una razionalizzazione della spesa. Personale tecnico-amministrativo da stabilizzare
    (24 dicembre 2010)
  • “Prin” sinonimo di spreco serve una ricerca di qualità -
    Il Miur molto critico sui Progetti di rilevante interesse nazionale. 55.000 euro per la conservazione dell’asino dell’Amiata
    (24 dicembre 2010)


comments powered by Disqus