Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

L’assessore Pier Carmelo Russo dona il suo stipendio alla ricerca
Parte dell’indennità sarà devoluta al Centro regionale Trapianti per una borsa di studio. Contributo di circa 20 mila euro, ma prima bisogna fare una legge

Tags: Sanità, Ricerca, Pier Carmelo Russo, Trapianti, Vito Sparacino



PALERMO – Una borsa di studio per un progetto di ricerca nel settore dei trapianti. È stata istituita grazie ad un finanziamento derivante da una parte dell’indennità a cui l’assessore regionale per le Infrastrutture e la mobilità, Pier Carmelo Russo, ha rinunciato. È stato annunciato ieri nel corso di una conferenza stampa congiunta con il Centro regionale Trapianti.

“Oggi in Italia un settore che vive decisamente un momento difficile – ha detto Russo – è quello della ricerca. Partendo da questa considerazione ho maturato la decisione di destinare proprio ad un settore così importante, una parte consistente dell’indennità da assessore per l’Energia alla quale ho deciso di rinunciare. Un ruolo in questa scelta hanno avuto anche la mia esperienza nel settore della gestione sanitaria in Sicilia ed i noti motivi familiari”.

“Si è trattato – ha detto il coordinatore del Centro Trapianti, Vito Sparacino – di un regalo di Natale inatteso ma più che gradito. Ci attiveremo subito per preparare il bando e contiamo di potere avviare questa borsa di studio fra aprile e maggio”. La donazione destinata alla borsa sarà di 20 mila euro circa.

Con la parte restante dell’indennità non percepita, l’assessore contribuirà alla realizzazione dei progetti di sostegno scolastico di Padre Cosimo Scordato all’Albergheria, noto quartiere popolare palermitano. “Questa vicenda – ha detto ancora l’assessore – ha fatto emergere una carenza legislativa. Non è, infatti, previsto che un assessore rinunci all’indennità e di conseguenza non si trovava il modo per devolverla. Mi farò, dunque, promotore di una proposta di legge per colmare questo vuoto normativo”.

Con l’occasione, l’assessorato regionale per le Infrastrutture ospiterà fino al 7 gennaio l’iniziativa del Crt “Comunque la pensiate, ditelo” con l’obiettivo di diffondere una corretta informazione in materia di donazione e trapianto e incentivare la sottoscrizione delle dichiarazioni di volontà. In uno  stand il personale del Crt raccoglierà le dichiarazioni di volontà sulla donazione di organi di dipendenti e visitatori. “Attualmente, in Sicilia registriamo – dice ancora Sparacino – un tasso di opposizione alle donazioni degli organi che si aggira intorno al 50%, ben più alto che nel resto del Paese. Per questo abbiamo deciso di dedicare il 2011 ad una campagna per la raccolta delle dichiarazioni di volontà. I cittadini potranno scegliere, con assoluta serenità, se dire sì o no alla donazione dei propri organi. La scelta sarà registrata nel sistema informatico del Centro nazionale Trapianti”.

Articolo pubblicato il 28 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus