Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La commissione d’inchiesta individua le responsabilità
di Rosario Battiato

La discarica di Bellolampo è l’esempio lampante di cattiva gestione. “Intreccio tra clientelismo e incapacità amministrativa”

Tags: Pier Carmelo Russo, Ambiente, Rifiuti, Percolato, Bellolampo



PALERMO – L’emergenza percolato di quest’estate, adesso parzialmente rientrata - anche se senza soluzioni a lungo termine, non tarderà a ripresentarsi ad ogni temporale -, è figlia di una gestione dissennata della fase commissariale nel periodo Cuffaro. La proposta di relazione della Commissione Pecorella ha registrato le fasi del fallimento della gestione della discarica di Bellolampo.

“Negli anni il percolato non è stato smaltito secondo modalità adeguate in termini di quantità e tempi di prelevamento. Ciò ha comportato indubbi problemi gestionali che si sono manifestati con la fuoriuscita di percolato dall’impianto e l’interessamento delle zone limitrofe, alcune caratterizzate dalla presenza di immobili di natura residenziale; la mancata adeguata copertura dei rifiuti conferiti ha determinato un aumento sensibile dei quantitativi di percolato poiché non sono state allontanate le acque meteoriche dall’area di sedime dei rifiuti; il conferimento presso la discarica di tipologie di rifiuti non consentite, ossia di rifiuti ingombranti, pericolosi e non, circostanza questa che ha evidentemente determinato un aumento dei volumi conferiti con conseguente diminuzione della capacità residua della discarica”.

Le motivazioni appaiono chiare. “Si è verificato un intreccio tra mala gestione, rapporti clientelari, deresponsabilizzazione degli enti, incapacità amministrative che hanno impedito non solo l’effettiva soluzione, ma anche l’arginamento dei problemi”. E i risultati? “La cosa preoccupante è che si sia arrivati ad una situazione di tracimazione del percolato, con gravissime evidenti ripercussioni dal punto di vista della salubrità dell’ambiente, nella pressoché totale indifferenza da parte degli organi di controllo”.

Articolo pubblicato il 28 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Percolato, doppio affare in discarica -
    Ambiente. Dietro lo smaltimento dei rifiuti in Sicilia.
    Così si lucra. Nelle discariche siciliane il business è doppio. Non solo costa conferire i rifiuti. Sorge il problema di smaltire, a prezzi salatissimi, il liquido che si forma durante la decomposizione.
    Così si spreca. Nell’isola nessuno è riuscito a far mettere in funzione un impianto di trattamento del percolato. In questo modo, chi trasporta e smaltisce altrove il liquido continua a dettare prezzi e condizioni.
    (28 dicembre 2010)
  • Separare il secco dall’umido, la ricetta sta a monte -
    Le associazioni Rifiuti Zero si battono in favore del riciclo. “E si risparmia”. Nell’Isola la raccolta differenziata ancora sotto il 10%
    (28 dicembre 2010)
  • La commissione d’inchiesta individua le responsabilità -
    La discarica di Bellolampo è l’esempio lampante di cattiva gestione. “Intreccio tra clientelismo e incapacità amministrativa”
    (28 dicembre 2010)


comments powered by Disqus