Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Cassa integrazione, assegni liquidati entro 30 giorni
di Francesco Sanfilippo

Tags: Sandra Petrotta, Inps



Può parlarci degli ammortizzatori sociali in deroga in Sicilia?
“Nonostante il tessuto socio-economico della regione sia diverso da altre, si è registrato un aumento della cassa-integrazione derivante dallo stato di crisi delle aziende. La Regione siciliana è stata il partner con cui è stato stipulato un accordo l’anno scorso. In virtù di quest’ultimo, l’Inps è in grado di liquidare i crediti entro 30 giorni non appena ricevuti i decreti autorizzativi”.

Quali altri settori interessano l’Inps?
“L’Istituto propone moltissimi servizi all’utenza come le pensioni di vecchiaia, d’invalidità non civile e si avvale del rapporto con i consulenti del lavoro, con cui si ha uno scambio continuo d’informazioni attraverso l’accesso a servizi dedicati. In caso di difficoltà nel versamento della posizione contributiva da parte dell’azienda, è richiesto il Durc-documento unico di regolarità contributiva, per cui il consulente si attiva per metterla in regola, in caso contrario, è emesso un Durc negativo”.

Come si svolge l’eventuale contenzioso?
“Il contenzioso amministrativo è gestito da comitati di amministratori interni che mettono in atto l’istruttoria. Poi attraverso procedure informatiche, la sede provinciale prepara il ricorso e il parere su di essa, che è inoltrato alla sede regionale. Questa controlla la congruità del parere e invia il ricorso a un comitato amministratore centrale.
Superata la fase del ricorso amministrativo, si può accedere al ricorso giudiziario. Per evitare un eccesso d’istruttorie, l’Inps sta promuovendo il ricorso all’autotutela”.

Articolo pubblicato il 30 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus