Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ragusa - Si punta sul turismo di lusso ma servono servizi all’altezza
di Carmelo Lazzaro Danzuso

La Città ha inoltrato la candidatura ai Luxury tourism awards, prestigioso riconoscimento internazionale. Le risorse artistico-culturali non mancano, ma occorre potenziare l’offerta

Tags: Ragusa, Turismo



RAGUSA - Le bellezze artistiche, storiche e culturali di certo non mancano. Semmai ciò che in passato – e in certi casi tuttora – ha penalizzato il turismo siciliano sono i servizi, non sempre all’altezza di un territorio che per risorse non ha nulla da invidiare ai grandi centri del turismo internazionale.

Per promuovere l’immagine della città e continuare a crescere in questo settore, fondamentale per tutta l’economia provinciale, il Comune di Ragusa ha recentemente inoltrato la propria candidatura per il 2011, documentata anche con immagini appositamente predisposte, per concorrere al premio “Pavone d’oro”, preziosa targa onorifica che simboleggia la qualità e prestigio nel mondo del turismo di lusso. Le categorie proposte dal Comitato di selezione sono sei e circa 40 destinazioni sono state già selezionate per avere il privilegio di prendere parte a questo evento unico al mondo: il Comune di Ragusa ha deciso di concorrere per la categoria “Centri del turismo di lusso emergenti”.

I premi verranno assegnati da una giuria di professionisti, coordinati da una equipe di docenti del Master in turismo internazionale dell’Università della Svizzera italiana di Lugano, e conferiti durante il Meeting luxury 2011 che avrà luogo nel mese di febbraio a Lugano.

La manifestazione nella quale saranno conferiti i riconoscimenti è intitolata Luxury tourism awards 2011 ma già solo essere candidati, come si legge in una nota del Comune “significa essere riconosciuti come uno dei più importanti protagonisti dell’industria del turismo di lusso”. I Luxury tourism awards sono infatti gli unici riconoscimenti internazionali che premiano le più prestigiose destinazioni del turismo di lusso e offrono un’importante vetrina promozionale su tutto il mercato internazionale e la possibilità di essere protagonisti di un evento unico nel suo genere, beneficiando di una visibilità esclusiva e rilevanti mezzi promozionali.

“Partecipare a questo concorso – fanno sapere dal Comune - vuol dire infatti, oltre che ricevere un importante riconoscimento internazionale che metta in luce le potenzialità turistiche dei partecipanti, anche aumentare la propria visibilità e il proprio business incontrando buyer, giornalisti internazionali contando così su una copertura promozionale sui media del settore turistico, del lusso e di categorie inferiori”.

Determinante, per l’amministrazione comunale, anche la possibilità di potere accedere a un pacchetto promozionale, esclusivamente riservato ai candidati, che offre una promozione turistica mirata che utilizza diversi mezzi di comunicazione.
“Il percorso che la città ha intrapreso ormai da qualche anno – ha detto il sindaco del capoluogo, Nello Dipasquale - e che tende a lanciare il nostro territorio in un circuito internazionale virtuoso segna con questa candidatura un passaggio fondamentale che va a coronare uno sforzo che questa amministrazione comunale ha prodotto per creare condizioni di sviluppo attraverso la valorizzazione delle nostre peculiarità paesaggistiche, culturali, enogastronomiche, in un settore quale l’industria del turismo che oggi, a seguito della crisi nella quale versano tutti i paesi del mondo, costituisce per il nostro territorio una delle prospettive di sviluppo e crescita”.

La candidatura di Ragusa ha già superato la prima fase di selezione. Nei prossimi mesi, attraverso le valutazioni che verranno svolte dal comitato preposto, si saprà l’esito di questo prestigiosissimo riconoscimento.

Articolo pubblicato il 31 dicembre 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus